VIDEO | Dal ’68 alle sarte della Perla, un film su chi lotta cantando

Nel '68 come oggi: le lotte e la resistenza dei lavoratori da sempre sono attraversate dalla musica. Il documentario di Filippo Vendemmiati vuole raccontarlo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Lottare cantando: succedeva nel ’68, succede oggi con le sarte de La Perla. E ora c’è qualcuno che ha pensato di farci un ‘film’. O meglio, documentario che racconti le lotte e la resistenza dei lavoratori, dal 1968 ad oggi, attraverso la musica. Dal Canzoniere delle Lame a Lo stato sociale passando per i cori intonati dalle lavoratrici de La Perla durante i loro recenti scioperi, ‘Gli anni che cantano‘ mette a confronto diverse generazioni e diversi modi di fare attivismo politico, soprattutto attraverso le canzoni.

Sono cominciate questa mattina, in piazza Nettuno a Bologna, le riprese del docufilm diretto da Filippo Vendemmiati che racconta la storia del Canzoniere delle Lame, gruppo musicale bolognese che, dal 1967 in 20 anni di attività ha proposto una nuova canzone politica e militante.

 

“Ho pensato al film anche come un modo per mettere a confronto non solo generazioni diverse, ma anche il concetto di impegno musicale, un modo per aprire un confronto (e forse anche un conflitto) tra epoche”, spiega Vendemmiati, che ha chiamato nel cast anche Albi, bassista de Lo stato sociale e Jack de Le altre di B, due band che oggi fanno (anche) attivismo attraverso le loro canzoni. Tutto il documentario quindi sarà “un viaggio musicale” tra passato e presente, infatti, proprio questa mattina si è girata la scena con le lavoratrici de ‘La Perla’, in sciopero a causa dei tagli di personale da parte dell’azienda.

Le lavoratrici de La Perla ricordano molto le lotte degli anni ’70 e ’80, con la sola differenza oggi sono loro le autrici e arraggiatrici delle loro canzoni”, spiega il regista mentre posiziona le ‘attrici’ sotto la fontana del Nettuno. Raccontare la storia del Canzoniere delle Lame, spiega Vendemmiati, non significa solo raccontare un progetto musicale che si colloca nel ricco contesto di altre esperienze analoghe nate a partire dagli anni Sessanta ma è prima di tutto raccontare la storia di giovani studenti e lavoratori che, partiti da una casa del popolo dell’ex quartiere Lame di Bologna, fra musica e impegno sociale si sono trovati a incrociare “la straordinarietà” di un periodo storico come quello dal 1967 al 1987.

Non vogliamo fare gli ex combattenti e reduci– precisa Anna, una delle componenti del gruppo- quello che ci interessa è raccontare un pezzo di storia contemporanea a chi non l’ha vissuta, facendolo attraverso la musica”. Cosa vuol dire fare musica impegnata politicamente oggi? Quali sono le differenze con il passato e quali le uguaglianze? Oggi la musica può essere ancora usata come strumento per ‘farsi sentire’? Di questo i ‘vecchi’ del Canzoniere dialogheranno con le due band presenti nel film prodotto da Filandolarete e Open Group.

Le riprese dureranno un mese e toccheranno Bologna (soprattutto la zona del teatro San Leonardo, Paladozza e la festa dell’Unità), Rosarno a Reggio Calabria, Parigi e Berlino. Al racconto in presa diretta si susseguiranno i materiali dell’Archivio storico del Canzoniere, custodito nella biblioteca del Quartiere Navile. ‘Gli anni che cantano’ ha ricevuto il riconoscimento dalla Film Commission della Regione Emilia-Romagna. L’uscita è prevista per la primavera del 2020.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»