Salvini: “Pace fiscale per debiti sotto i 500.000 euro”

"Chiudiamo la rottamazione vecchia che abbiamo ereditato dai governi passati"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un ascoltatore mi chiede come mai la pace fiscale è diventata rottamazione. Noi chiudiamo la rottamazione vecchia che abbiamo ereditato dai governi passati, dal 2019 ci sarà la Pace fiscale, saldo e stralcio per chi avrà dei debiti, per quello che mi riguarda, sotto i 500.000 euro”. Cosi’ Matteo Salvini, ministro dell’Interno, a Rtl 102,5.
Poi spiega: “La Pace fiscale che voglio portare fino in fondo riguarda alcuni milioni di italiani costretti a vivere da fantasmi, che hanno fatto la dichiarazione dei redditi – non quelli che non l’hanno fatta e poi hanno quattro Ferrari – sono persone che hanno fatto la dichiarazione e poi il negozio gli è andato male, hanno dovuto aiutare il figlio che ha perso il lavoro, e la crisi, e quello che volete e si portano dietro una cartella esattoriale che non riusciranno mai a pagare e io voglio intervenire non solo sulle more e sulle sanzioni ma sul capitale. Se hai un debito ottantamila euro non è che se te ne chiedo settanta rateizzati tu me li dai, se te ne chiedo il 15% io Stato incasso quello che non avrei mai incassato e tu torni a lavorare e a pagarci le tasse sopra”.

“EURO? PER ORA NON SI TOCCA, MA IRREVERSIBILE SOLO LA MORTE”

“Di irreversibile c’è solo la morte. Ma comunque ad ora non c’è l’intenzione di toccare la moneta unica”.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»