Ilva minaccia 4mila esuberi, Re David (Fiom): “Su queste basi non c’è trattativa possibile”

La situazione dell'Ilva è critica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La situazione dell’Ilva è critica: l’azienda minaccia più di quattromila esuberi. Per la Fiom, al momento non c’è trattativa possibile.

“Domani incontro Ilva con tutti gli stabilimenti in sciopero: licenziamenti, diritti e salario tagliati, estensione della precarietà, lavoratori degli appalti cancellati. Su queste basi non c’è trattativa possibile”, scrive su Facebook Francesca Re David, segretaria generale Fiom.

“PISAPIA: ESUBERI INACCETTABILI”

“Esprimo la mia piena solidarietà ai lavoratori dell’Ilva. Non è accettabile che siano stati prospettati oltre 4 mila esuberi e che si voglia cancellare la storia lavorativa di migliaia e migliaia di persone. Questo non possiamo accettarlo”, ha dichiarato il leader di Campo Progressista, Giuliano Pisapia, intervenendo a Mesagne (Br).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»