Cemento a Bogliasco, scontro su Twitter Paita-Pastorino

A più di quattro mesi dalle elezioni liguri, non si placano le polemiche tra i candidati di centrosinistra sconfitti alle regionali.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – A più di quattro mesi dalle elezioni liguri, non si placano le polemiche tra i candidati di centrosinistra sconfitti alle regionali. Raffaella Paita, che correva per il Pd, ieri sera ha punzecchiato su Twitter il suo ex avversario “interno” (accusato di aver avuto un peso molto forte sulla sua sconfitta) Luca Pastorino, civatiano uscito dal partito per fondare Rete a sinistra, deputato e sindaco di Bogliasco. Ed è proprio per il suo ruolo di primo cittadino del Comune genovese che Paita lo ha attaccato. “#Bogliasco- si legge nel tweet della capogruppo del Pd in Regione- luogo meraviglioso in cui stanno costruendo in modo selvaggio. Grazie sindaco a cemento 0 @lucapasto71!”. E sotto il messaggio campeggia un bella foto che ritrae una soletta e dei lavori in corso.

Immediata e piuttosto sintetica la risposta di Pastorino, che, forse per chiudere in fretta la polemica, taglia corto “@raffaellapaita grazie a te! Ciao!”.

Insomma tra i due ex compagni di partito la ruggine sembra essere ancora molta. Tanto che questa schermaglia via Twitter è solo l’ultima di una lunga serie di botta e risposta. Pochi giorni fa, infatti, sempre Paita aveva diffuso un comunicato in cui definiva un flop la campagna referendaria di Pippo Civati e di Luca Pastorino.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»