Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Donne in Rete contro la Violenza: “Chiara Ugolini vittimizzata dalla narrazione dei media”

giornali
La presidente Veltri: "Vengono proposti cliché che alimentano la cultura dello stupro"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La parola femminicidio non compare mai o quasi mai nel racconto mediatico dell’uccisione di Chiara Ugolini, di cui stanno emergendo in queste ore i dettagli. Piuttosto si insiste sull’aspetto fisico della vittima, sottolineando la sua bellezza, l’essere una ragazza con progetti e impegni nel sociale, l’aver pianificato il matrimonio anche se per ora conviveva con il fidanzato”. Lo ha detto Antonella Veltri, presidente di D.i.Re, Donne in Rete contro la Violenza.

“‘Bella e impossibile’, riporta un noto quotidiano italiano nel ricostruire l’ultimo pomeriggio vissuto dalla ragazza pur non esistendo testimonianze dirette dei suoi movimenti, insistendo voyeuristicamente sul top indossato sul reggiseno dopo la doccia- ha fatto ancora notare Veltri, sottolineando come si tratti “di un cliché della cultura dello stupro, che attribuisce alla scelta di un abbigliamento provocante la causa della violenza”.

Veltri ha anche commentato “i giudizi espressi dal quotidiano rispetto all’omicida, descritto come ‘una specie di scimmia’ e la citazione del solito ‘raptus’ cancellano la premeditazione del crimine, di fatto deresponsabilizzando l’assassino”. “La ragazza uccisa- ha proseguito- viene così vittimizzata un’altra volta, sulle pagine dei giornali, alimentando stereotipi e pregiudizi che poi vediamo riprodotti nelle aule dei tribunali, e che finiscono per alimentare la cultura del possesso e della subordinazione delle donne che sta alla base della violenza maschile contro le donne”. “C’è bisogno di un vero e proprio cambiamento di rotta anche nella comunicazione, un cambiamento culturale che fornisca la capacità di lettura dei singoli e tragici ‘fatti di cronaca’ in una cornice più ampia, con interventi strutturali che modifichino i rapporti di potere tra uomini e donne. Il numero dei femminicidi rimane costante, a fronte del calo degli omicidi, segnale dell’inefficacia delle politiche anti-violenza. Il nuovo Piano nazionale antiviolenza, scaduto nel 2020, non è stato ancora varato. Il governo cosa fa? Non basta condannare la violenza a parole,- ha concluso Veltri- occorrono interventi politici concreti per prevenirla”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»