Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna, Villa Inferno: chiesto il rinvio a giudizio per i 15 indagati

droga
Le persone coinvolte nel giro di festini a base di sesso e cocaina in una villa di Pianoro sono accusate di prostituzione minorile, spccio e produzione di materiale pedopornografico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – La Procura di Bologna chiede il rinvio a giudizio per i 15 indagati dell’inchiesta ‘Villa Inferno’. L’indagine, svolta dai Carabinieri, riguardava un giro di festini a base di sesso e cocaina in una villa di Pianoro, festini a cui aveva partecipato anche una ragazza che all’epoca aveva 17 anni.

Fu proprio la denuncia fatta dalla giovane nel febbraio del 2020 a far scattare le indagini. Le 15 persone coinvolte, che ora sono formalmente imputate, sono accusate a vario titolo di induzione alla prostituzione minorile, spaccio, produzione di materiale pedopornografico, oltre che di una tentata truffa per una vicenda parallela finita nel fascicolo. L’udienza preliminare è stata fissata per il 22 ottobre alle 9.30 nell’aula bunker del carcere bolognese della Dozza, davanti al gup Alberto Gamberini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»