Riapertura scuole fissata anche in Basilicata il 24 settembre

"Dal 24 settembre 11.500 tamponi saranno fatti a tutto il personale della scuola, ai docenti e a tutte le persone che si occupano del mondo scolastico", rendo noto il governatore Vito Bardi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – “La decisione del rinvio al 24 settembre dell’apertura della scuola è avvenuta dopo l’interlocuzione con i sindacati, l’ufficio scolastico regionale e i rappresentanti della scuola perché esprimessero le loro considerazioni. Siamo stati tutti concordi, sia la scuola che i sindacati per motivi diversi”. Così il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi in consiglio regionale alla richiesta di relazionare sull’inizio delle attività scolastiche da parte del consigliere Mario Polese (Iv). “La scuola – ha aggiunto Bardi – ha delle difficoltà oggettive, non tutti i docenti sono stati assegnati, un problema atavico che si ripresenta puntualmente ma che quest’anno, con le procedure in atto, la presenza dei docenti doveva essere più considerevole”. Per il governatore, in Basilicata rispetto alle altre regioni il gap è inferiore, ma non è stato comunicato per tempo. Il differimento è stato deciso inoltre anche per elezioni, che avrebbero richiesto una doppia sanificazione.

IN BASILICATA TRA I CONTAGIATI ANCHE UN BAMBINO DI 11 ANNI

“Ci sono le condizioni per partire, ma bisogna essere fiduciosi e attenti. È oggi notizia di un bambino di 11 anni tra i positivi in Basilicata. È necessaria quindi l’attenzione di docenti e famiglie che devono dare le giuste indicazioni ai più giovani: evitare assembramenti, portare la mascherina e lavare spesso le mani”. Così in consiglio regionale il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi in merito all’avvio delle attività scolastiche.

BARDI: “DAL 24 TAMPONI PER DOCENTI E NON, NE AVREMO 11.500”

“A livello governativo sono stati disposti i test seriologici, ma non tutti i medici di base hanno aderito. Abbiamo sopperito a questo con le unità Usco”. Così il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi in consiglio regionale relazionando sulla scuola. “Dal 24 settembre – ha detto – avremo 11.500 tamponi, che daranno certezze sulla positività al Covid e saranno fatti a tutto il personale della scuola, ai docenti e a tutte le persone che si occupano del mondo scolastico”.

TAMPONI A CAMPIONE ANCHE AI BAMBINI

Sottoporre a tampone, tre o quattro studenti delle scuole medie e a campione anche i bambini. È la proposta dell’assessore regionale alla Sanità Rocco Leone oggi in consiglio regionale. L’assessore, che è anche pediatra, ha annunciato di avere avviato una interlocuzione con l’associazione dei pediatri lucani per verificare la volontà di procedere a tale campagna, che dovrebbe essere effettuata tramite il lavoro volontario dei pediatri. Leone ha anche esplicitato la volontà di voler avviare una campagna nelle scuole per le precauzioni da adottare contro la diffusione del covid. “Stiamo mettendo in atto tutte le misure per tenere sotto controllo il problema”, ha assicurato.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»