Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mangialardi attacca: “Nelle Marche spartizione Lega-Fdi, Acquaroli muto”

Il candidato del centrosinistra lancia l'allarme in particolare sulla Sanità e sul rischio di avere persone chiamate da fuori regione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Si scaldano i toni della campagna elettorale nelle Marche. Dopo il botta e risposta a distanza, dei giorni scorsi, tra la leader di Fdi Giorgia Meloni e il commissario regionale del Carroccio Riccardo Marchetti sugli assessorati da assegnare in caso di vittoria del centrodestra, arriva l’affondo del candidato presidente del centrosinistra, Maurizio Mangialardi. “Lega e Fratelli d’Italia vogliono solo colonizzare e spartirsi le Marche mentre Acquaroli rimane muto- attacca Mangialardi-. Le destre sovraniste e populiste utilizzano le Marche per i loro giochi di potere e intendono spartirsi la Regione in caso di vittoria. Di fronte a questo scenario l’ipotesi di una colonizzazione della istituzioni regionali da parte di figure provenienti da fuori le Marche, come peraltro è già avvenuto in Umbria con l’assessorato alla Sanità assegnato al veneto Luca Coletto, è una concreta quanto nefasta prospettiva”.

Il rischio, secondo il sindaco di Senigallia, è quello di un’eccessiva privatizzazione della sanità marchigiana. “Le brame leghiste sulla sanità hanno un intento ben chiaro, che è quello di importare nelle Marche così come stanno facendo in Umbria, i modelli sanitari della Lombardia e del Veneto, dove la massiccia presenza del privato raggiunge rispettivamente il 40% e il 27%- conclude Mangialardi-. Tutto questo mentre un Acquaroli già fortemente indebolito e frastornato, prigioniero dei famelici appetiti romani e incapace di mantenere la barra sui temi marchigiani, si dimostra totalmente dipendente dalle segreterie romane dell’estrema destra”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»