Mangialardi attacca: “Nelle Marche spartizione Lega-Fdi, Acquaroli muto”

Il candidato del centrosinistra lancia l'allarme in particolare sulla Sanità e sul rischio di avere persone chiamate da fuori regione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ANCONA – Si scaldano i toni della campagna elettorale nelle Marche. Dopo il botta e risposta a distanza, dei giorni scorsi, tra la leader di Fdi Giorgia Meloni e il commissario regionale del Carroccio Riccardo Marchetti sugli assessorati da assegnare in caso di vittoria del centrodestra, arriva l’affondo del candidato presidente del centrosinistra, Maurizio Mangialardi. “Lega e Fratelli d’Italia vogliono solo colonizzare e spartirsi le Marche mentre Acquaroli rimane muto- attacca Mangialardi-. Le destre sovraniste e populiste utilizzano le Marche per i loro giochi di potere e intendono spartirsi la Regione in caso di vittoria. Di fronte a questo scenario l’ipotesi di una colonizzazione della istituzioni regionali da parte di figure provenienti da fuori le Marche, come peraltro è già avvenuto in Umbria con l’assessorato alla Sanità assegnato al veneto Luca Coletto, è una concreta quanto nefasta prospettiva”.

Il rischio, secondo il sindaco di Senigallia, è quello di un’eccessiva privatizzazione della sanità marchigiana. “Le brame leghiste sulla sanità hanno un intento ben chiaro, che è quello di importare nelle Marche così come stanno facendo in Umbria, i modelli sanitari della Lombardia e del Veneto, dove la massiccia presenza del privato raggiunge rispettivamente il 40% e il 27%- conclude Mangialardi-. Tutto questo mentre un Acquaroli già fortemente indebolito e frastornato, prigioniero dei famelici appetiti romani e incapace di mantenere la barra sui temi marchigiani, si dimostra totalmente dipendente dalle segreterie romane dell’estrema destra”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»