Mamma Giunti in sciopero della fame: “Devo proteggere mio figlio”

Anche lei tra le mamme che popolano il sit-in davanti Montecitorio pochi minuti dopo la fine della conferenza stampa tenuta alla Camera da Laura Massaro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sono in sciopero della fame per l’amore che mi unisce a mio figlio. Sono dieci anni che le provo tutte, ma la mia situazione è identica a quella di tante altre mamme che cercano solo di proteggere i propri figli da un uomo violento”. C’e’ anche Giada Giunti, in sciopero della fame da cinque giorni, tra le mamme che popolano il sit-in davanti Montecitorio pochi minuti dopo la fine della conferenza stampa tenuta alla Camera da Laura Massaro, altra mamma coraggio, per denunciare “il limbo del sistema affidi tra conflitti d’interesse e clientelismo” .

LEGGI ANCHE: Minori, Giannone: “Esposto in Cassazione per conflitti d’interesse nel caso Massaro”

Mamma Giunti, la cui storia è stata raccontata più volte da DireDonne, protesta dopo che la Corte d’Appello ha rigettato l’ennesima istanza urgente presentata per rivedere le condizioni dell’affido del figlio.

LEGGI ANCHE: Giada Giunti: “La relazione di Meluzzi e Notargiovanni può ridarmi mio figlio”

“Donne come me, la Massaro e tante altre mamme con cui abbiamo tra l’altro molti CTU e giudici in comune- spiega Giada alla Dire- le hanno provate davvero tutte. In questi anni sono stata zitta, poi ho parlato e denunciato, ho scritto e-mail a ministri, CTU, tribunali, avvocati e chiesto conciliazioni: ben 33 richieste conciliative in soli 15 mesi, senza calcolare quelle dal 2010, cioè da quando è iniziata questa tortura. Tutto perché mi sono permessa di lasciare il mio ex marito, che di risposta mi ha detto: ‘Ti ammazzo, ti uccido, ma soprattutto non ti faccio vedere più tuo figlio’. Da allora ha chiesto la Casa famiglia pur di rovinarmi la vita”, conclude Giada.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»