fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 8 settembre 2020

WILLY, SCATTA LA GARA DI SOLIDARIETA’

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha telefonato al padre di Willy Monteiro Duarte, il ragazzo ucciso nel tentativo di sedare una lite. “Sono scioccato da tanta violenza, dobbiamo interrogarci”, ha detto il premier, che ha confidato di aver parlato con “un papa’ sopraffatto dal dolore”. Per la famiglia del giovane si e’ messa in moto la macchina della solidarieta’. La Regione Lazio si offre di pagare le spese legali, mentre l’avvocato Paola Balducci si dice pronta ad assistere la famiglia a titolo gratuito. Fratelli d’Italia vorrebbe conferire a Willy la medaglia d’oro al merito civile. “Quello di Willy e’ il sacrificio di un eroe”, dice il deputato Paolo Trancassini.

SI RIAPRE IL CANTIERE DELLE PENSIONI

Dopo lo stop imposto dall’emergenza Covid si riapre il cantiere pensioni. La ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha convocato per il 16 settembre i sindacati allo scopo di riprendere il filo del confronto per una riforma “complessiva” anche in vista dello scadere, nel 2021, di Quota 100. Si discute su due traiettorie: una a breve, con misure da inserire in legge di bilancio. E una a lungo termine con la riforma vera e propria per il 2022. I sindacati chiedono di ampliare subito l’Ape sociale, tenendo conto anche degli effetti della pandemia. L’estensione riguarderebbe invalidi, attività più esposte al rischio e disoccupati.

STRADA IN SALITA PER LA RIFORMA ELETTORALE

Strada in salita per la riforma della legge elettorale. A causa dell’ostruzionismo di centrodestra, salta il voto sul testo base fortemente voluto dalla maggioranza Pd-5 stelle. Il voto slitta a giovedi’ e questo mette a rischio l’approdo in Aula della legge entro il 28 settembre. La prossima settimana infatti ci sarà una pausa elettorale in vista delle regionali e del referendum. Si restringono molto i tempi per le votazioni in commissione, e sembra difficile a questo punto che per fine mese la riforma possa ottenere il primo si’ della Camera. Un obiettivo su cui puntava in particolare il Pd di Nicola Zingaretti.

AFFIDI MINORI, ESPOSTO IN CASSAZIONE NEL CASO MASSARO

Smantellare i tribunali per i minorenni, un ‘mondo chiuso’ dove l’80% dei giudici è composto da onorari che la mattina fanno gli assistenti sociali o gli psicologi. A sostenerlo è Edoardo Polacco, penalista e legale di Laura Massaro, una delle mamme coraggio questa mattina in conferenza alla Camera per denunciare il mondo degli affidi dei minori, un sistema “tra clientelismo e conflitti d’interessi”. Sulla vicenda della Massaro, da anni in lotta per la revoca di allontanamento del proprio figlio, è intervenuta anche la deputata Veronica Giannone che ha annunciato di aver inviato un esposto al procuratore generale di Cassazione su questo caso.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

8 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»