Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, Osur (Amref): “Sul vaccino coinvolgiamo l’Africa”

Cosi' Joachim Osur, direttore tecnico dei programmi di Amref Health Africa, in un'intervista con l'agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Sudafrica e’ l’unico Paese subsahariano che sta partecipando alle sperimentazioni dei vaccini contro il Covid-19. È fondamentale invece che molti piu’ Stati siano coinvolti nei trial”: cosi’ Joachim Osur, direttore tecnico dei programmi di Amref Health Africa, in un’intervista con l’agenzia Dire.

Secondo gli esperti dell’ong, i vaccini devono essere testati in contesti diversi e su persone con un diverso corredo genetico.
“Un grande problema del vaccino per il Covid-19 e’ lo stigma che si porta addosso prima ancora di essere sviluppato” sottolinea Osur. “Le teorie cospirazioniste sui vaccini stanno avendo presa sulle popolazioni; abbiamo bisogno di una maggiore divulgazione scientifica sull’argomento”.
Osur definisce “deleterie” le “informazioni false” con cui queste teorie si stanno diffondendo ma, spiega, “anche per questo e’ necessario che le popolazioni siano coinvolte negli studi”.

Secondo il direttore, “bisogna far sapere loro che sono parte della comunita’ globale e dell’agenda della sanita’ pubblica”.
Le comunita’, in questo modo, non sarebbero solamente spettatori, ma co-architetti delle decisioni sanitarie che hanno un impatto diretto sul loro benessere.
Secondo Osur, e’ importante che le autorita’ sanitarie africane sensibilizzino “le comunita’ per prepararle all’arrivo del vaccino, oltre a ribadire il bisogno di continuare a utilizzare le mascherine, di igienizzare le mani e di sanificare i luoghi pubblici”.

Quando arrivera’ il vaccino, d’altra parte, non sara’ disponibile subito per tutti. “All’inizio – sottolinea Osur – dovremo somministrarlo ai piu’ esposti e a chi vede i malati ogni giorno”.
Oltre a loro avranno la priorita’ i bambini fino ai 16 anni, le persone con il diabete e quelle con malattie croniche. Poi sara’ il turno di tutti gli altri.
Sulla futura gestione e distribuzione del vaccino Osur ammonisce: “La collaborazione tra Paesi e’ un grande problema, perche’ sono adottate politiche differenti e alcuni seguono linee non totalmente scientifiche. Nell’Africa orientale poi, per esempio, la Tanzania ha bloccato i voli dal Kenya e ci potrebbero essere difficolta’ nell’approvigionamento del vaccino. C’e’ bisogno di cooperazione”.

“Come Amref, chiediamo due cose fondamentali” continua Osur: “L’Unione Africana deve dare linee guida che tutti i Paesi del continente devono seguire, pena sanzioni; e’ necessario che la comunita’ scientifica in Africa si unisca e agisca insieme contro la pandemia, perche’ alcuni politici seguono linee non scientifiche che la comunita’ deve condannare“.

Nell’attesa del vaccino Amref chiede ai governi di implementare le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanita’. “Oltre a tracciare gli infetti e i loro contatti – dice Osur – bisogna raggiungere ogni famiglia con le raccomandazioni sanitarie adeguate“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»