Fiuggi, domani e sabato convention Ppe su l’Italia e l’Europa

Domani e sabato torna a Fiuggi la due giorni "L'Italia e l'Europa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

fiuggi02ROMA – Domani e sabato torna al Grand Hotel palazzo della Fonte di Fiuggi la due giorni ‘L’Italia e l’Europa che vogliamo’ organizzata da Antonio Tajani, vicepresidente del Parlamento europeo e del Partito popolare europeo. Nella giornata di apertura della convention azzurra interverra’ il presidente del Partito popolare europeo, Joseph Daul. Nella stessa giornata sono previsti gli interventi di numerosi esponenti di Forza Italia.

Sabato e’ in programma l’intervento dei sindaci dei comuni colpiti dal sisma Arquata del Tronto, Accumoli e Norcia e un dibattito sulle iniziative per il post terremoto.
Nel corso della manifestazione ampio spazio sara’ dedicato all’ascolto dei rappresentanti delle organizzazioni della societa’ civile. Saranno infatti presenti il vicepresidente di Confindustria, Maurizio Stirpe, intervistato da Paolo Liguori, come anche il presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti, e il presidente di Confapi, Maurizio Casasco.
Nella giornata di sabato uno spazio sara’ dedicato al tema delle riforme. Al dibattito parteciperanno fra gli altri Annibale Marini, presidente del Comitato per il ‘No’ al referendum, ed Enzo Moavero Milanesi, direttore della School of Law della Luiss. Le conclusioni saranno affidate al presidente Silvio Berlusconi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»