Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, sit-in di protesta davanti all’ambasciata ungherese – FOTO

[gallery ids="eyJ1cmwiOiJodHRwczpcL1wvd3d3LmRpcmUuaXRcL3dwLWNvbnRlbnRcL3VwbG9hZHNcLzIwMTVcLzA5XC8xMTMwMzQxMzU5XzMuanBnIiwidGl0bGUiOiJTaXRfSW5fQW1iYXNjaWF0YV91bmdoZXJlc2UiLCJjYXB0aW9uIjoiIiwiYWx0IjoiIiwiZGVzY3JpcHRpb24iOiJGb3RvIEFnZW56aWEgRElSRSJ9,eyJ1cmwiOiJodHRwczpcL1wvd3d3LmRpcmUuaXRcL3dwLWNvbnRlbnRcL3VwbG9hZHNcLzIwMTVcLzA5XC8xMTMwMzQxMzU5XzIuanBnIiwidGl0bGUiOiJTaXRfSW5fQW1iYXNjaWF0YV91bmdoZXJlc2UiLCJjYXB0aW9uIjoiIiwiYWx0IjoiIiwiZGVzY3JpcHRpb24iOiJGb3RvIEFnZW56aWEgRElSRSJ9,eyJ1cmwiOiJodHRwczpcL1wvd3d3LmRpcmUuaXRcL3dwLWNvbnRlbnRcL3VwbG9hZHNcLzIwMTVcLzA5XC8xMTMwMzQxMzU5XzEuanBnIiwidGl0bGUiOiJTaXRfSW5fQW1iYXNjaWF0YV91bmdoZXJlc2UiLCJjYXB0aW9uIjoiIiwiYWx0IjoiIiwiZGVzY3JpcHRpb24iOiJGb3RvIEFnZW56aWEgRElSRSJ9,eyJ1cmwiOiJodHRwczpcL1wvd3d3LmRpcmUuaXRcL3dwLWNvbnRlbnRcL3VwbG9hZHNcLzIwMTVcLzA5XC8xMTMwMzQxMzU5XzAuanBnIiwidGl0bGUiOiJTaXRfSW5fQW1iYXNjaWF0YV91bmdoZXJlc2UiLCJjYXB0aW9uIjoiIiwiYWx0IjoiIiwiZGVzY3JpcHRpb24iOiJGb3RvIEFnZW56aWEgRElSRSJ9"] ROMA - Alcune decine di persone hanno manifestato questo pomeriggio davanti l'ambasciata ungherese a Roma, per protestare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Alcune decine di persone hanno manifestato questo pomeriggio davanti l’ambasciata ungherese a Roma, per protestare contro le posizioni del primo ministro ungherese, Viktor Orbán, sulla recente ondata di immigrazione in Europa. “Il governo ungherese- ha detto Filippo Miraglia, responsabile immigrazione Arci- rappresenta il capofila degli ‘oltranzisti dei muri e dei respingimenti’, ma anche gli altri governi europei hanno la responsabilità della morte dei migranti. L’Europa deve assumersi il compito di far arrivare in sicurezza e legalità le persone migranti. Ma ancora oggi i governi Ue non dicono una parola’. “Sui canali umanitari- ha aggiunto il responsabile immigrazione Arci- i governi fanno finta di niente. Anche i numeri che circolano riguardano persone già arrivate, che saranno riallocate in altri paesi europei. Noi- ha concluso Miraglia- siamo la parte che non ci sta. Dobbiamo spingere i governi a fare dele scelte diverse perchè, se queste non ci saranno, i morti continueranno”.

di Michele Bollino

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»