Fdi chiude la lista di Genova per le Regionali 2020, Balleari guida tutti

Pronto a dare le dimissioni da Palazzo Tursi, come chiesto dal sindaco Marco Bucci. A tentare il salto ci provano anche i consiglieri Sergio Gambino e Franco De Benedictis
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA  – Fratelli d’Italia chiude la lista per le prossime elezioni regionali, nella circoscrizione di Genova. Come noto, a guidare la pattuglia dei meloniani per entrare nella futura assemblea legislativa, sarà il vicesindaco del capoluogo ligure, Stefano Balleari, pronto a dare le dimissioni da Palazzo Tursi, come chiesto dal sindaco Marco Bucci. A tentare il salto ci provano anche i consiglieri Sergio Gambino e Franco De Benedictis.

LEGGI ANCHE: Regionali 2020, in Liguria Toti è oltre il 50%, ma 4 su 10 sono indecisi

Prova a rientrare anche Augusto Sartori, che ha già respirato l’aria del consiglio regionale nel periodo di surroga a Matteo Rosso, causa condanna in primo grado nel processo per le spese pazze. E si rivede pure il medico Paolo Repetto, già consigliere comunale di centrodestra durante la giunta Doria (prima lista Musso, poi Udc). Proverà il doppio salto, invece, Carla Zanoni, attuale vicepresidente del Municipio Centro Est e assessore a patrimonio, promozione turistica, scuola, cultura e sociale. Esperienza amministrativa la hanno anche Giuseppe Rotunno, consigliere comunale di Recco, Paola Tassara, ex vicesindaco di Rapallo, e Daniela Colombo, consigliere a Chiavari. Completano la lista Fabrizio Brignole, Carla Bo, Cristina Cecconi, Marilina Collatuzzo, Cristina Enrico, Simona Ferro e Augusto Scala.

Siamo l’unico partito d’Italia che ha una donna leader e siamo orgogliosi della doppia preferenza di genere, abbiamo molto bisogno della determinazione e della competenza delle donne, una ineguagliabile forza che, come dimostra Giorgia Meloni ogni giorno, giova alla politica italiana”, commenta il commissario regionale del partito, Matteo Rosso.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»