Chiesa di Grosseto, 5,4 tonnellate di alimenti donati per i poveri

La raccolta di sabato, il vescovo Cetoloni: "che bello vedere l'impegno dei giovani"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

firenze02FIRENZE – Ammonta a 601 scatole riempite e stoccate, pari a oltre 5,4 tonnellate di generi alimentari a lunga conservazione, il risultato della terza edizione della “Raccolta di san Lorenzo”, l’iniziativa di solidarieta’ promossa dalla diocesi di Grosseto, nell’ambito delle celebrazioni laurenziane, per sostenere il quotidiano servizio ai poveri da parte della Caritas. Quello ottenuto sabato 6 agosto e’ “un risultato straordinario”,  anche perche’ “rispetto allo scorso anno l’incremento e’ stato di due tonnellate in piu’ di alimenti raccolti”.

Le scatole riempite dai volontari nei sette supermercati aderenti “sono gia’ state stoccate nel magazzino dell’Emporio della solidarieta’, la struttura di Caritas dove oltre cento famiglie del territorio hanno la possibilita’ di fare gratuitamente la spesa”.

Per il vescovo di Grosseto, monsignor Rodolfo Cetoloni, “e’ davvero bello vedere come questa iniziativa, partita in via sperimentale tre anni fa, anno dopo anno stia crescendo e coinvolgendo sempre di piu’. Riempie il cuore di gioia vedere volontari di ogni eta’ darsi da fare, ma soprattutto i piu’ giovani”. Oltre a quelli nei supermercati, nella giornata di sabato un presidio della “Raccolta di san Lorenzo” e’ stato allestito per l’intera giornata nell’androne del palazzo vescovile.

Anche il Comune di Grosseto, con l’assessore alle politiche sociali Mirella Milli, ha sostenuto l’iniziativa evidenziando che “la solidarieta’ deve essere la nostra stella polare: ognuno di noi puo’ essere baluardo nei confronti della tante, troppe, nuove fragilita’. Ogni cittadino puo’ dare il proprio contributo reale”. Il supermercato Conad, oltre a collaborare per la “Raccolta” 2016, ha donato alla Caritas di Grosseto generi alimentari per un valore di 1500 euro.

(www.agensir.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»