NEWS:

Willem Dafoe è il nuovo direttore artistico di Biennale Teatro: “Sono un animale da palcoscenico”

L'attore commenta la nomina: "Io sono nato in teatro, che mi ha formato e scosso"

Pubblicato:08-07-2024 14:57
Ultimo aggiornamento:08-07-2024 14:57
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Willem Dafoe è il nuovo direttore artistico del settore Teatro della Biennale di Venezia per il biennio 2025-2026. “Sono stato prima sorpreso e poi felice di ricevere l’invito di Pietrangelo Buttafuoco come direttore del festival Internazionale del Teatro della Biennale di Venezia 2025-2026”, commenta Dafoe. “Sono consapevole di essere noto come attore di cinema ma io sono nato in teatro, il teatro mi ha formato e mi ha scosso. Sono un animale da palcoscenico. Sono un attore. Il teatro mi ha educato all’arte e alla vita. Ho lavorato con il Wooster Group per ventisette anni, ho collaborato con grandi registi da Richard Foreman a Bob Wilson. La direzione del mio programma teatro sarà tracciata dalla mia formazione personale. Una sorta di esplorazione dell’essenza del corpo“.

La nomina è stata deliberata dal Consiglio di Amministrazione della Biennale presieduto da Pietrangelo Buttafuoco. “È un onore poter annunciare la nomina di Willem Dafoe a Direttore della Biennale Teatro”, dichiara Pietrangelo Buttafuoco. “Il teatro è di fatto la casa originale della sua luminosa carriera. Tra i fondatori del leggendario Wooster Group nel 1977, nel perfetto controllo del suo corpo scenico ci sono sempre state la disciplina, la conoscenza, la passione e la profonda consapevolezza del teatro. Non vedo l’ora, come tutti, di poter essere spettatore del festival che costruirà da direttore artistico e – dalla sua cattedra di assoluto maestro – vedere crescere nell’arte, le ragazze e i ragazzi del College di teatro”.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy