Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini: “Bernardo governerà Milano per i prossimi cinque anni”

Imagoeconomica_Matteo Salvini Luca Bernardo
Il leader del Carroccio è intervenuto a un evento al Palazzo delle Stelline accompagnato dal candidato sindaco per il centrodestra alle prossime comunali meneghine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Nicolò Rubeis e Nicola Mente

MILANO – “Ringrazio Luca Bernardo che ha scelto di vivere avventura straordinaria e governerà per i prossimi 5 anni questa città“. Ne è convinto il leader della Lega Matteo Salvini intervenuto durante un evento al Palazzo delle Stelline di Milano, accompagnato dal Bernardo, pediatra e candidato sindaco alle prossime comunali meneghine (la presentazione ufficiale del neocandidato avverrà durante la prossima settimana, probabilmente giovedì o venerdì, ndr).

SALVINI: “SALA È NERVOSO, DA CITTADINO VORREI DI MEGLIO”

Sala? Vedo un certo nervosismo, specie dopo che il Sole 24 Ore lo ha piazzato all’89esimo posto nella classifica dei sindaci più apprezzati d’Italia. Da milanese vorrei qualcosa di meglio”. Continua il botta e risposta a distanza tra il segretario della Lega Matteo Salvini e il primo cittadino della città Sala.

Come un pugile sul ring, a Palazzo delle Stelline il leader del Carroccio tira le sue bordate verso l’attuale cittadino: “Quello che rimprovero a Sala e alla sua giunta- prosegue Salvini- è di aver perso tempo. Milano era una delle città più dinamiche d’Europa, il Covid ha rallentato tutto“. E ora, per il leghista, “la città sta faticando più di altre”.

Prima di concludere, c’è ancora spazio per una frecciata: “Non penso che Sala avesse più voglia di fare il sindaco– chiude Salvini- ambiva ad altre posizioni. Le ha cercate ma a sinistra non le hanno trovate. Fare il sindaco controvoglia non è una cosa da fare”.

BERNARDO ACCOGLIE LA SFIDA DI SALA: “CONFRONTO? QUANDO VUOLE”

Un confronto con Sala? Quando vuole e dove vuole“. Il candidato sindaco del centrodestra su Milano, Luca Bernardo, lancia la sfida al primo cittadino meneghino Giuseppe Sala, durante l’iniziativa organizzata dalla Lega e da Matteo Salvini a Palazzo delle Stelline.

BERNARDO: “MILANO È DEGRADATA, COLMEREMO LA SOLITUDINE CITTADINI”

“Chiunque di voi girasse dalla periferia al centro e dal centro alla periferia vedrebbe come la città è degradata e lasciata andare e come i milanesi si sentano soli. Noi quella solitudine la colmeremo“. È pronto a dare battaglia Luca Bernardo, candidato sindaco del centrodestra alle prossime elezioni comunali d’autunno.

Bernardo, che in autunno tenterà di soffiare il ruolo da sindaco a Giuseppe Sala, risponde poi alle critiche piovute dal centrosinistra, che lo attaccava per aver detto di fare il pediatra la mattina e il sindaco la sera. “Credo di aver già fatto una scelta- risponde Bernardo- è ovvio che ho già deciso di fare il sindaco“. In ogni caso, conclude Bernardo, “corriamo per vincere, non per partecipare”.

BERNARDO: “ALCUNE CICLABILI HANNO POCO SENSO DI ESISTERE”

Su Milano ci sono delle ciclabili che hanno poco senso di esistere. Credo che vadano ridisegnate all’interno di un progetto, soprattutto ascoltando i residenti” afferma Bernardo, interpellato dai giornalisti a Palazzo delle Stelline sul tema delle piste ciclabili. Restando alla mobilità invece, per Bernardo, parlare oggi di un nuovo piano parcheggi “è prematuro”, magari “ne riparleremo quando arriveremo”.

SALVINI RINCARA: “SE VINCIAMO CANCELLIAMO LA CICLABILE IN CORSO BUENOS AIRES”

La sera delle elezioni festeggiamo, il giorno dopo andiamo a stinteggiare la pista ciclabile in Corso Buenos Aires” aggiunge Matteo Salvini.

BERNARDO: “SERVONO MEDICI CAPACI DI ANDARE SUL TERRITORIO”

Per arginare la carenza dei medici di base sicuramente “qualcosa lo faremo”, visto “che c’è necessità”, ma adesso è fondamentale “trovare medici che hanno voglia di andare sul territorio, la cosa più difficile” spiega Bernardo.

BERNARDO: “LA LISTA CIVICA CI SARÀ, LA FRETTA NON AIUTA”

Una lista civica in mio sostegno? Si farà, ma vedremo. Intanto costruiamo nei prossimi giorni una bella partenza della campagna ufficiale” dice il candidato sindaco del centrodestra.

In ogni caso “la fretta è cattiva consigliera”, risponde Bernardo a chi gli chiede a che punto è la definizione della squadra. Nel pomeriggio Salvini ha incontrato uno a uno vari esponenti della società civile, specie quelli che in questi mesi erano stati proposti come potenziali sfidanti di Giuseppe Sala. Stando a quanto apprende la ‘Dire’, il manager del Gruppo Pellegrini Roberto Rasia Dal Polo darà una mano alla Lega, pur non avendo tessere di partito, per quanto riguarda la comunicazione. Potrebbe avere un ruolo anche il presidente della Camera di Commercio Americana in Italia Simone Crolla, anche lui oggi tra la folla a Palazzo delle Stelline.

Comunque, Bernardo è già in clima partita e risponde per le rime a chi in questi giorni ha criticato le sue prime uscite: “Qualcuno (Filippo Barberis, capogruppo a Palazzo Marino del Pd, ndr)- attacca il neocandidato sindaco- ha detto che sono dottor Jekyll e Mister Hide. Non sono né l’uno né l’altro. Sono un professionista“. Bernardo ne ha anche per Sala: “Non sono un giurista, ma c’è incompatibilità tra servizio pubblico e medico– afferma, in relazione alla replica dell’attuale sindaco a una sua intervista, nella quale diceva di voler fare il sindaco la mattina e il pediatra il resto del giorno- bisogna spiegarlo a Sala.

SALVINI: “LAVORERÒ PER AVERE ALBERTINI IN SQUADRA”

Lavorerò perché Albertini faccia parte della squadradel centrodestra alle prossime comunali d’autunno. Il leader della Lega Matteo Salvini insiste sull’ex primo cittadino Gabriele Albertini, sul cui nome si sono scontrati gli alleati all’interno della coalizione. Al momento infatti il suo ingresso “nella squadra” di cui parla Salvini è saltato, così come un ticket con Bernardo, che lo avrebbe visto nel ruolo di vicesindaco.

SALVINI: “CAPOLISTA? NO GRAZIE, CERCO UNO MIGLIORE DI ME”

Sto cercando un capolista più bravo di me e conto di trovarlo. La lista della Lega in consiglio comunale per la metà sarà aperta a donne e uomini della città senza tessera di partito. E questa per noi è una novità”. Nonostante dal Carroccio spingano affinché sia lui il capolista milanese, specie dopo il ‘carico da 90’ alias Vittorio Feltri calato da Fdi, il segretario della Lega Matteo Salvini sembra fare un passo di lato.

“Oggi pomeriggio sono stato due ore a incontrare persone che faranno parte della squadra“, prosegue Salvini durante la presentazione al Palazzo delle Stelline di Milano del candidato sindaco Luca Bernardo. Gente “del mondo delle imprese, del volontariato, del commercio, dell’università”. Tuttavia, “nomi e cognomi sarà il candidato sindaco a darli”.

A tal proposito alla presentazione di Bernardo sono presenti, tra il pubblico, anche il manager del gruppo Pellegrini Roberto Rasia Dal Polo e il presidente della Camera di Commercio americana in Italia Simone Crolla, incontrati da Salvini nel pomeriggio. “La parte di quella Milano rassegnata e disillusa sta ritrovando entusiasmo”, e quindi è tempo, per il leghista, di “ragionare su ambiente, periferie, qualità della vita”. E in quest’ottica, “avere un medico che è stato in prima linea (Luca Bernardo, ndr) in questo anno e mezzo è un valore aggiunto”.

LEGGI ANCHE: Comunali Milano, Salvini affonda Lupi e richiama Albertini: “Siamo davanti a Sala anche senza candidato”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»