Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Avvocato mamma Giunti a Draghi: “Urge dl contro gli allontanamenti dei minori”

giustizia
"Risorse recovery siano anche un indennizzo per i genitori colpiti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una diffida ad adempiere inviata al governo, ai ministri e alle Regioni per intervenire contro il fenomeno degli allontanamenti dei bambini. A presentarla è stato l’avvocato Carlo Priolo nell’occasione di un sit in oggi pomeriggio a piazza Montecitorio. Priolo è il legale di Giada Giunti, una delle mamme coraggio che da tempo si batte contro l’allontanamento del proprio figlio. Sul tema, spiega l’avvocato, “il governo deve fare urgentemente un decreto legge”.

LEGGI ANCHE: Mamma Giunti si incatena a Montecitorio: “Cartabia mi aiuti”

Domani l’udienza per mamma Giunti: “Io a processo per calunnia dopo aver denunciato”

All’esecutivo si chiede, tra le diverse istanze riportate nel documento, la revoca di tutti i provvedimenti giudiziari ed amministrativi che hanno disposto l’allontanamento coatto dei figli dai genitori biologici con ogni adoperata locuzione; l’abolizione dei garanti dell’infanzia e dell’adolescenza regionali e nazionale; l’abolizione degli uffici dei Servizi sociali dei comuni e la costituzione in ogni Regione di una struttura organizzativa autonoma alle dirette dipendenze della Presidenza della Giunta regionale.

“Il Recovery Fund- sottolinea Priolo- prevede somme per il rilancio e la resilienza dell’Italia. Chiediamo al governo e al premier che preveda anche un indennizzo per quelle mamme e quei papà ai quali vengono sottratti i figli abusivamente, arbitrariamente e illecitamente. Non possiamo più assistere a sequestri di minori in mezzo alla strada, in ospedale o a scuola”. In Italia “c’è un’emergenza”, gli fa eco Giada Giunti. “A Draghi chiediamo di emettere un decreto legge per impedire questi allontanamenti e sequestri. Non è più accettabile, è in corso una mattanza, un vero e proprio crimine nei confronti dei bambini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»