Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’Italia è in finale. E i cinema all’aperto di Bologna ospitano la partita

bologna_cinema
In città parte la corsa a prenotare i posti per domenica sera nelle arene solitamente dedicate alle proiezioni estive
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Pietro Tabarroni

BOLOGNA – Domenica prossima, 11 luglio, gli azzurri di Mancini giocheranno la finale degli Europei, e a Bologna cambiano i programmi, fittissimi, delle arene estive dotate di maxischermo. All’arena Puccini, dove era in programma la proiezione di ‘Due’, di Filippo Meneghetti, il film verrà rimandato (“e recuperato sicuramente, sempre quest’estate”, precisano dalla Cineteca di Bologna) e lo spazio, dalle 21, sarà tutto occupato dai 300 fortunati che si accaparreranno un posto (un numero necessariamente ridotto, a causa delle norme anti assembramento). Le prenotazioni, dovrebbero aprire ad ore, e per restare aggiornati si possono controllare i profili social dell’arena Puccini. Per la partita di domenica prossima, poi, sono già sold-out gli altri due spazi estivi della Cineteca, la Lunetta arena (che ospiterà 750 tifosi, sempre per rispettare il distanziamento) e piazza Maggiore, dove ad introdurre il match saranno i giornalisti sportivi impegnati nella ‘Repubblica delle idee’.

Sempre nel cuore del centro storico, in piazza San Francesco, sono invece 200 i posti messi a disposizione davanti al maxischermo, con prenotazione obbligatoria che, tuttavia, può essere effettuata anche sul posto, se ci fossero dei posti rimasti liberi. Per far spazio alla nazionale, in San Francesco è stata annullata la ‘Contro lezione sulle italiane’, una discussione sullo stereotipizzazione patriarcale della figura femminile all’interno della storiografia occidentale.

Anche per gli associati dell’Aics ansiosi di tifare Italia ci sarà uno spazio dedicato. “Per l’occasione- racconta alla ‘Dire’ Serafino D’Onofrio, presidente di Aics Bologna- abbiamo anticipato a sabato la chiusura settimanale del giardino del Baraccano. Domenica, dalle 18, apriremo il giardino ai tifosi e proietteremo la partita sul nostro maxischermo”. Nel giardino del Baraccano “possiamo accogliere fra le 300 e le 400 persone, con prenotazione online su eventbrite – precisa D’Onofrio – e ci sarà un’iniziativa importante, per restare ‘liberi fino alla fine’: un banchetto per raccogliere firme, organizzato da +Europa e altre associazioni, a favore dell’eutanasia legale. Un’idea che unisce un momento di festa nazionale con l’impegno per questa giusta causa”. E poi c’è il distretto del Dumbo, dove domenica alle 19 è in programma un concerto jazz, che, tuttavia, durerà due ore, terminando in tempo per l’agognato fischio d’inizio delle 21. Al Dumbo, ci saranno ben tre schermi, negli spazi della ‘Baia’, del bistrot e della DumboArena, che può contenere fino a mille persone sedute.

Anche gli amanti della classica, infine, dovranno scendere a patti con la febbre per la nazionale. Il secondo appuntamento del ‘Varignana music festival’ organizzato da ‘Musica insieme’, in cui ad esibirsi sarà Giovanni Sollima, è infatti slittato a lunedì 12, sempre nella location dell’Anfiteatro sul lago, immerso fra i vigneti di Palazzo Varignana (Castel San Pietro Terme, Bologna). Una decisione che permetterà, “a chi aveva già acquistato il biglietto- spiegano da ‘Musica insieme’- di non dover scegliere fra il concerto e la finale degli Europei”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»