Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ambiente Mare Italia aderisce all’appello sullo stop alla plastica: “È una grave minaccia”

inquinamento-plastica
Un gruppo di scienziati di varie nazioni chiede di mettere al bando la produzione di plastica vergine dal 2040
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ambiente Mare Italia-Ami aderisce all’appello del gruppo di scienziati di varie nazioni che chiede di mettere al bando la produzione di plastica vergine dal 2040. Nonostante la recente direttiva Sup, Single-Use Plastics, entrata in vigore il 3 luglio, abbia introdotto il divieto alla vendita di alcuni prodotti monouso, la plastica continua a rappresentare un motivo di preoccupazione per l’inquinamento ambientale e per il clima.


L’Aea (Agenzia europea dell’ambiente) ha evidenziano che le emissioni annue connesse alla produzione di plastica nell’Ue ammontano a circa 13,4 milioni di tonnellate di CO2, pari a circa il 20% delle emissioni dell’industria chimica in tutta l’Unione. Nel 2020, complice il Covid, abbiamo assistito ad un incremento dell’uso della plastica monouso e secondo le stime, se l’uso del materiale dovesse continuare a crescere, l’industria della plastica rappresenterà il 20 per cento del consumo mondiale entro il 2050. Percentuale che oggi si attesta al 7 per cento. L’Agenzia internazionale per l’energia prevede che la plastica e altri prodotti petrolchimici saranno il principale motore della crescita della domanda di petrolio fino al 2030.

“La transizione ecologica – commenta Alessandro Botti, presidente di Ambiente Mare Italia – caratterizzerà sempre di più la vita di tutti noi e sarà anche l’occasione per incentivare l’economia circolare e il riciclo di rifiuti e di plastica, attivando politiche corrette nella gestione dei rifiuti. L’incenerimento è una soluzione che danneggia l’ambiente a causa delle emissioni di sostanze tossiche nell’aria. È necessario limitare il più possibile la produzione di plastica vergine e – continua Botti – in particolare di quei prodotti difficili da riciclare. La nuova direttiva europea Sup è un primo passo, ma le politiche dei governi possono fare di più e intervenire per alleviare i danni all’ambiente con azioni ancora più concrete e incisive”.


Ambiente Mare Italia-Ami chiede al Governo italiano e al Mite-Ministero della Transizione Ecologica di: prevenire e ridurre in modo significativo ogni forma di inquinamento, in particolare attraverso la drastica riduzione dell’uso degli imballaggi e una maggiore severità nei confronti delle aziende che inquinano; introdurre un reale e concreto sistema di premialità in favore delle aziende eco compatibili l’implementazione dei fondi a disposizione delle aziende e Pmi che intendono convertire o rendere più eco-compatibile la propria produzione; ridurre il monouso e introdurre una disciplina legislativa su una quota minima di vendite di prodotti sfusi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»