Coronavirus, nuovi focolai in Emilia-Romagna: +49 casi, ma zero morti

Nuovo focolaio in un'impresa della Bassa parmense
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Altri 49 casi di coronavirus in Emilia-Romagna, di cui 36 senza sintomi. Dei 49 casi, ben 40 interessano le province di Parma, Bologna e la Romagna. In particolare, sui 13 nuovi positivi riscontrati in provincia di Parma, tutti asintomatici e in isolamento domiciliare, nove fanno riferimento a lavoratori impiegati in attivita’ produttive della Bassa parmense, entrati in contatto con i casi positivi relativi al focolaio in un’azienda cooperativa con sede legale in Lombardia, in provincia di Mantova. Sono invece 16 i casi nel bolognese, di cui nove asintomatici.

Complessivamente, sono 12 i casi riferibili a focolai gia’ noti e sotto controllo. In Romagna i nuovi casi sono 11 di cui sette nel riminese. Sono otto gli asintomatici e cinque interessano cittadini di Bangladesh e Senegal rientrati dall’estero e subito rintracciati.

La notizia buona e’ che non c’e’ nessun nuovo decesso nelle ultime 24 ore, il numero totale resta quindi 4.269. I nuovi tamponi effettuati sono 4.877, a cui si aggiungono altri 1.611 test sierologici. Le nuove guarigioni sono 38 per un totale di 23.415, l’81,4% dei contagiati da inizio crisi. I casi attivi, cioe’ il numero di malati effettivi, a oggi sono 1.071 (+ 11 rispetto a ieri). Le persone in isolamento a casa sono complessivamente 962, 10 in piu’ rispetto a ieri, 89,8% di quelle malate. I pazienti in terapia intensiva sono 10 come ieri, quelli ricoverati negli altri reparti Covid sono 99 (+1).

Questi i casi di positivita’ provincia per provincia: 4.560 a Piacenza (+3), 3.700 a Parma (+13), 5.015 a Reggio Emilia (+3, di cui due sintomatici), 3.977 a Modena (+3, di cui un sintomatico), 4.999 a Bologna (+16, di cui sette sintomatici); 404 a Imola (invariato), 1.031 a Ferrara (invariato); 1.080 a Ravenna (+1), 963 a Forli’ (invariato), 812 a Cesena (+3) e 2.214 a Rimini (+7, di cui tre sintomatici).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»