A Roma possibili 600 bengalesi positivi al coronavirus

Lo dice il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri: "E' questa una delle ragioni che i voli dal Bangladesh sono stati bloccati"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La cifra dei possibili positivi provenienti dal Bangladesh e’ di circa 600, e’ in atto un’opera per rintracciare queste persone e potere fare i link epidemiologici e i tamponi a tutti”. Cosi’ il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, a 24 Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, già 21 positivi sul volo Dacca-Roma. Ministero della Salute:”Sospesi i collegamenti con il Bangladesh”

“E’ questa una delle ragioni che i voli dal Bangladesh sono stati bloccati- ha aggiunto- in virtu’ del fatto che i test effettuati nella giornata di ieri a Roma su quelli atterrati hanno riscontrato un numero altissimo di soggetti positivi al Covid-19”. 

Nessuno di noi puo’ dire con certezza se ci sara’ o non ci sara’ una seconda andata– ha detto poi Sileri– e’ piu’ una sensazione di un fatto. A settembre e ottobre il virus potrebbe prendere piu’ vigore, ma non credo che ci sara’ nella forma in cui abbiamo lo osservato nella prima ondata”. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, Speranza:”La comunità scientifica non esclude una seconda ondata”

“L’evidenza attuale e’ che il virus circola molto meno. Siamo riusciti a contenere la diffusione grazie a delle norme, e chi non rispetta le regole e’ una minoranza. L’effetto e’ stato posti in calo in terapia intensiva, lo stesso per quelli in ospedale, nuovi infetti positivi ma non malati e il rafforzamento del Sistema sanitario nazionale in termini di posti letto e numero tamponi. Perche’ dovrei pensare che in autunno, a ottobre, non abbandonando cio’ che stiamo facendo, dovremmo trovarci di fronte al rischio?” ha concluso Sileri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»