Sicilia, M5s presenta mozione di sfiducia a Musumeci: “Solo parole e disastri”

Sarà presentata oggi negli uffici del Parlamento e reca la firma del capogruppo del M5s all'Ars, Giorgio Pasqua e degli altri 14 deputati Cinquestelle
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – “Solo chiacchiere, tante chiacchiere, e zero riforme. Peccato che la Sicilia si governi con i fatti e non con le parole. Musumeci deve andarsene, per il bene dei siciliani”. Lo afferma il capogruppo del M5s all’Ars, Giorgio Pasqua, che assieme agli altri 14 deputati Cinquestelle ha messo nero su bianco la mozione di sfiducia al presidente della Regione, gia’ annunciata qualche giorno fa in Aula e che oggi sara’ presentata agli uffici del Parlamento. “Dalla catastrofica gestione della Cassa integrazione in deroga al disastro del settore dei rifiuti, dalla mancata redazione dei piani di rientro del disavanzo alla scriteriata gestione dei fondi europei, a quella, altrettanto fallimentare delle Partecipate”, sottolineano dal movimento. E ancora: “Dalle nomine sbagliate alla totale assenza delle tanto strombazzate riforme”. L’azione dell’esecutivo Musumeci, secondo i parlamentari Cinquestelle, “e’ stata un rosario di fallimenti, una litania ininterrotta di tracolli, messi nero su bianco in otto pagine A4, ai sensi dell’articolo 10 dello Statuto della Regione Siciliana”. “In Aula – afferma Pasqua – Musumeci la scorsa settimana ha fatto una sorta di autocelebrazione del nulla, peccato che la Sicilia che ha tratteggiato non esista nella realta’, e basta soltanto guardarsi attorno per potersene rendere conto”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»