L’artista Costantini fa parlare Zaki: “Grazie Bologna”

Dall'autore del maxi poster di Zaki che era stato affisso in piazza Maggiore, arriva un nuovo disegno del giovane ricercatore dopo l'ok alla cittadinanza onoraria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Patrick Zaki ‘ringrazia’ Bologna per il prossimo conferimento della cittadinanza onoraria da parte del Comune. Un gesto di riconoscimento solo ideale, però: il “Grazie Bologna” pronunciato dallo studente arrestato in Egitto è contenuto infatti un nuovo disegno dell’artista Gianluca Costantini, lo stesso del grande manifesto con il volto di Zaki che per alcuni giorni è stato esposto in piazza Maggiore. Nel disegno, Zaki è raffigurato con indosso una fascia tricolore come quella dei sindaci.

LEGGI ANCHE: Zaki cittadino onorario Bologna, sì del Consiglio comunale

E’ il primo cittadino di Bologna, Virginio Merola, che ieri ha pubblicato l’immagine sul suo account Facebook. “Condivido con grande piacere il disegno che Gianluca Costantini ci ha inviato dopo il voto del Consiglio comunale che consentirà presto a Patrick Zaki di diventare cittadino onorario di Bologna”, ha scrittobMerola.

“Continuiamo a chiedere la sua liberazione”, ricordando che “sono passati 150 giorni dal suo arresto”. Cioè 150 giorni “di detenzione sotto false accuse, 150 giorni prigioniero nel proprio paese”, scrive sempre su Facebook l’assessore alla Cultura e ai Rapporti con l’Università, Matteo Lepore, aggiungendo che “stiamo lavorando per fare tornare il manifesto dedicato a Patrick in un luogo importante della città: ci vuole tutto il nostro impegno per ottenere la liberazione di Patrick, è necessaria la forza di tutti per insistere che venga rispettato in quanto essere umano”.

LEGGI ANCHE: Egitto, Zaki scrive ai genitori dal carcere: “Sto bene, mi mancate tanto”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»