Congo, Ntaganda colpevole di crimini contro l’umanità

'Terminator' ha avuto un ruolo decisivo nelle atrocità commesse tra il 1999 e il 2003 in Ituri, nel nordest del Congo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’ex comandante ribelle Bosco Ntaganda, soprannominato “Terminator”, e’ stato condannato oggi dalla Corte penale internazionale per crimini di guerra.

L’uomo, coinvolto in stragi e atrocita’ commesse nell’est della Repubblica democratica del Congo, in particolare nella provincia di Ituri tra il 2002 e il 2003, e’ stato riconosciuto colpevole di omicidio, stupro e reclutamento di bambini soldato.

Uno degli episodi al centro del processo e’ stata l’uccisione di civili, donne e bambini nella chiesa del villaggio di Savo. Il bilancio di quella sola azione di guerra sarebbe stato di 800 morti e 140mila persone costrette a lasciare le proprie case. Prima che fosse emesso il verdetto, gli avvocati difensori avevano cercato di presentare Ntaganda come vittima a sua volta, perche’ costretto a imbracciare le armi ancora minorenne.

Il capo ribelle e’ il quarto imputato condannato dalla Corte penale internazionale dalla sua creazione nel 2002. I giudici del tribunale avevano chiesto l’arresto di Ntaganda la prima volta nel 2006. Alla guida dell’ala militare dell’Unione dei patrioti congolesi, “Terminator” si era consegnato nell’ambasciata americana a Kigali sette anni piu’ tardi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»