fbpx

VIDEO | New York Times cerca corrispondente dall’Africa ma inciampa nei cliché

ROMA – Piovono prese in giro sul New York Times: la “vecchia signora in grigio”, quotidiano “liberal” per antonomasia, è inciampata su un annuncio di lavoro per un corrispondente in Africa infarcito di stereotipi sul continente.

Poche righe, pare confezionate 18 mesi fa e rilanciate in questi giorni dal direttore dell’edizione internazionale Michael Slackman. Nell’annuncio si specifica che il neo-assunto dovrà inviare articoli “dai deserti del Sudan e dai mari dei pirati del Corno d’Africa fino alle foreste del Congo e alle spiagge della Tanzania”. Sui temi si va avanti con logica binaria e semplificazioni, citando terrorismo, corsa alle risorse, conflitti armati e speranza.

Slackman si è scusato via Twitter, sostenendo di aver ripreso un vecchio annuncio e averlo “letto in modo superficiale”. Il New York Times, ha scritto il direttore, “vuole raccontare l’Africa non come stereotipo ma perche’ conta”.

Sui social, pero’, contestazioni e prese in giro si sono moltiplicate. Molte sono africane, e qualcuna è pure video: come quella di Muwene Mwarania, che si fa largo tra le foglie di una giungla immaginaria sotto casa, o delle Lam Sisterhood, che a leggere di notizie “sorprendenti” fanno pure “boo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

8 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»