Migranti, Zingaretti attacca: “Sbarchi fuori controllo, dal governo solo pagliacciate”

"La verità è che abbiamo un governo che non ha una politica dell'immigrazione" attacca il segretario del Partito Democratico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Saluto e applaudo il nuovo presidente del Parlamento europeo, iscritto al Partito Democratico, che nel discorso di insediamento ha ricordato quanto sia importante riformare Dublino perché altrimenti tutto il resto sono delle pagliacciate, come una pagliacciata è dire che questo governo ha risolto il problema degli sbarchi. Se non erro, ancora questa mattina ci sono stati sbarchi sulle coste”. Così il segretario del Partito democratico, Nicola Zingaretti, questa mattina a Genova rispondendo alle domande dei giornalisti a margine di una tappa del suo “Viaggio per l’Italia”.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco: “I migranti simbolo di tutti gli scartati della società globalizzata”

A chi accusa il Pd di eccessiva timidezza sul tema, il dem replica che sulla Sea Watch 3 “c’erano tre parlamentari, a cominciare dal capogruppo, per tutti e tre i giorni. Se c’è un’assenza in Italia in questo momento è di una credibile politica sull’immigrazione di un grande paese moderno. In sei degli ultimi sette vertici dei ministri degli Interni d’Europa, l’Italia non si è presentata”.

LEGGI ANCHE: Migranti, Mediterranea: “Da Salvini solo menzogne”

“La verità- aggiunge Zingaretti- è che abbiamo un governo che non ha una politica dell’immigrazione. Gli sbarchi continuano e, purtroppo, per motivi di pura propaganda, si scarica questa assenza sulla vita degli esseri umani che fuggono da una condizione drammatica. Abbiamo bisogno di politiche per l’immigrazione, di governo di flussi, di una politica estera europea anche nei confronti della Libia perché è un paese che sta esplodendo”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Quando sui migranti Renzi diceva: “Grazie Minniti e Gentiloni, lavoro straordinario”

Per il dem, in Italia c’è “un problema di integrazione perché la notizia drammatica di queste settimane è che gli sbarchi non sono finiti e non sono più controllati. Chi scende dal barchino, entra in Italia e in Europa e non intercetta più lo Stato per quell’attivazione di politiche sanitarie, integrazione e controllo. Non abbiamo più nulla di tutto questo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»