Giornale radio sociale, edizione 8 luglio 2019

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

DIRITTI – È tempo di giustizia. La Campagna Giudizi universali sta preparando la prima causa legale intentata in Italia contro lo Stato per l’inazione di fronte ai cambiamenti climatici. Ascoltiamo Marica Di Pierri, di ASud una delle associazioni promotrici dell’iniziativa. 

ECONOMIA – Barikamà. Yogurt, verdure, migranti, sindrome Asperger e un bar in gestione in uno dei quartieri “bene” della Capitale. Questi gli ingredienti del progetto di Suleman Diara, che partendo da un’idea ha dato vita ad un’associazione di promozione sociale divenuta poi una cooperativa.

SOCIETA’ – Personal shopper. Al via la campagna nei quartieri milanesi di Città Studi e Lambrate. A promuovere l’iniziativa l’associazione volontari Caritas Ambrosiana. Dal 2000 sono stati 900 i cittadini che hanno aderito ai progetti estivi che combattono la solitudine di chi resta in città.

INTERNAZIONALE – Fame di diritti. Ancora 821 milioni di persone al mondo non hanno accesso al cibo. I dettagli nel servizio di Fabio Piccolino. 

CULTURA – Nero ciak. Taglia quest’anno il traguardo dei cinque anni di vita il RomAfrica Film Festival, che continua a raccontare l’Africa attraverso il suo cinema e portare nella capitale il meglio della produzione cinematografica continentale. Si parte mercoledì.

SPORT – Segno più. Secondo l’indagine del Censis il 60% delle donne pratica sport. Negli ultimi dieci anni sono aumentate dell’11,9% e crescono coloro che lo fanno in modo continuativo. Appena il 2% gioca a calcio, l’attività più praticata al femminile resta la pallavolo, seguita dal tennis e dalla ginnastica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»