hamburger menu

Rugby, regalò una banana marcia al compagno di squadra: Ivan Nemer a scuola di antirazzismo

D'accordo con la Federazione Italiana Rugby e Benetton, il giocatore ha intrapreso un percorso con l’Associazione 'Il Razzismo è una brutta storia'

Pubblicato:08-06-2023 11:11
Ultimo aggiornamento:08-06-2023 11:12
Canale: Sport
Autore:
Ivan Nemer
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Il background è noto: a Natale 2022 il pilone della Benetton Rugby e dell’Italia Ivan Nemer, 25 anni, regala al compagno di squadra Cherif Traorè una banana marcia in occasione della pesca a sorpresa di squadra, l’episodio viene reso pubblico e Nemer riceve una squalifica di sei mesi per razzismo. Successivamente, la Federazione Italiana Rugby, in piena condivisione con la Franchigia di appartenenza dell’atleta, decide di intraprendere un lavoro più profondo insieme a Ivan Nemer, e coinvolge l’Associazione Il Razzismo è una brutta storia, realtà promossa dal Gruppo Feltrinelli per combattere razzismo e discriminazioni, nel proporre un percorso di formazione e sensibilizzazione antirazzista con il giocatore in prima linea.

Perché regalare una banana a una persona afrodiscendente è un gesto razzista? Come si manifesta il razzismo in Italia oggi e perché è importante comprenderlo e decostruirlo? Cosa possono fare Nemer e tutta la comunità del rugby per trasformare quanto avvenuto in un’occasione di crescita per tutti? Dall’esigenza di rispondere insieme a queste domande è nato il percorso che ha coinvolto Nemer, insieme a un team di Razzismo Brutta Storia e Fir, in una riflessione da un lato su quanto è avvenuto e dall’altro su cosa significhi razzismo e antirazzismo in Italia oggi, attraverso momenti conoscitivi tra marzo e maggio 2023 e attività pratiche con realtà del network dell’associazione che lavorano in diverse aree d’Italia. La riflessione sull’accaduto è servita a mettere a fuoco insieme come il regalo di una banana sia razzista in quanto simbolizza una deumanizzazione e inferiorizzazione delle persone afrodiscendenti, equiparate a scimmie, che è servita durante il colonialismo per giustificare il processo di schiavizzazione e sfruttamento operato dalle élite europee.

Ma perché questo gesto è in grado di ferire ancora oggi, quando in teoria tutto questo dovrebbe essere finito? Il percorso conoscitivo è servito a esplorare le risposte a questa importante domanda e ragionare dell’eredità concreta della storia del razzismo nella contemporaneità. Una prima formazione a marzo a Verona con autrici e autori della rivista Antirazine – Voci dal movimento antirazzista in Italia ha permesso di ragionare di razzismo come sistema e non come fenomeno interpersonale – quali leggi oggi in Italia favoriscono il perpetuarsi di una disuguaglianza? – e al contempo mettere a fuoco le emozioni e il trauma che suscita l’esperienza della discriminazione in chi la subisce.

Un pomeriggio con la squadra di rugby Le Tre Rose Nere composta da richiedenti asilo prevalentemente da Paesi dell’Africa Subsahariana a Casale Monferrato ha consentito di ragionare sugli ostacoli alla cosiddetta ‘integrazione’ e sull’importante ruolo dello sport come dimensione di socialità che permette anche di trovare sostegno e supporto nelle difficoltà. Tre giorni di lavoro in Piemonte al confine con la Francia, nel rifugio solidale di Oulx per persone migranti in transito e nel polo logistico di Bussoleno gestiti dalla fondazione Talità Kum di don Luigi Chiampo e da numerose associazioni e volontari da tutta Italia hanno aperto spazio a riflessioni sulla dimensione europea della ‘gestione della migrazione’, sulle sue contraddizioni e sui rischi che tante persone assumono non potendo migrare attraverso canali regolari. Quattro appuntamenti a Padova con le associazioni sportive meticce e solidali Polisportiva San Precario e Ads Quadrato Meticcio e loro utenti di età compresa tra i 6 e i 30 anni hanno generato momenti di gioco e discussione su goliardia, disuguaglianze interne alle città, svantaggi dovuti all’intreccio tra le proprie origini e la posizione che si occupa nella società e diritto allo sport. Infine un incontro con una classe prima dell’istituto professionale industriale Bernardi, frequentata da una maggioranza di ragazzi non autoctoni, si è concentrato sulle ragioni storiche che hanno portato alla costruzione del razzismo e su come si manifesti oggi, toccando tematiche quali il piano del linguaggio e il racial profiling.

Da una banana, dunque, simbolo della deumanizzazione operata durante il colonialismo per giustificare la privazione della libertà, la violenza e lo sfruttamento, all’eredità concreta che quel sistema ha lasciato oggi in termini di diverso accesso ed esercizio dei diritti universali. L’esperienza, che ha impegnato Nemer in prima persona, accompagnato nel suo cammino dal team composto da Razzismo Brutta Storia e da Fir – la referente Giulia Frova, la collaboratrice Emma Borsani e il sociologo afrovenezuelano e attivista antirazzista Gustavo Garcia, insieme alla referente della responsabilità sociale Fir Daniela De Angelis – è stata forte e positiva per tutte le persone coinvolte e proseguirà con un coinvolgimento a luglio di tutta la squadra. Questa piccola e intensa ‘scuola pratica di antirazzismo’ rappresenta una preziosa opportunità di riflessione per tutta la comunità rugbistica che, responsabilmente, sviluppa il proprio sport nell’alveo di valori sempre più aderenti e coerenti con i bisogni e le istanze della società civile.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-06-08T11:12:02+02:00