L’istituto Pasteur di Dakar è pronto a produrre un vaccino ‘senegalese’ nel 2022

vaccino covid africa
Entro la fine del prossimo anno, l'azienda farmaceutica belga Univercells trasferirà le proprie tecnologie per iniziare la produzione dei sieri in loco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Senegal potrebbe iniziare a produrre i suoi vaccini contro il Covid-19 entro il prossimo anno nell’ambito di un accordo con l’azienda farmaceutica belga Univercells. Lo riferisce il giornale senegalese Le Quotidien, che rilancia una fonte che ha partecipato ai lavori che hanno portato all’intesa citata dall’agenzia Reuters.

Ad aprile, ha riferito la fonte, la società belga ha siglato un dichiarazione d’intenti con l’istituto Pasteur della capitale Dakar. L’accordo implicherebbe la condivisione da parte di Univercells delle tecnologie necessarie per la produzione dei sieri nell’ottica di fare dell’istituto senegalese un centro per la produzione dei vaccini da distribuire in tutta l’Africa occidentale.

Inizialmente Univercells, una startup con sede a Gosselies, nel sud del Paese, confezionerà e distribuirà i vaccini prodotti in Belgio. Entro la fine del 2022 si prevede invece che l’azienda trasferisca tutta la sua capacità produttiva a Dakar per iniziare la vera e propria produzione in loco.

A oggi l’azienda europea, che sta sviluppando un suo vaccino anche in collaborazione con la società italiana ReiThera, dispone delle tecnologie necessarie per produrre i sieri a cosiddetto vettore virale, come quelli messi a punto da Johnson&Johnson, AstraZeneca e dall’istituto russo Gamaleya.

L’istituto Pasteur invece è l’unica struttura in Africa a realizzare un siero, autorizzato per l’uso di emergenza dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), contro la febbre gialla.

L’obiettivo del centro senegalese è arrivare a produrre 300 milioni di dosi entro la fine del 2022. Stando a una ricerca finanziata dal governo britannico su richiesta dell’Istituto Pasteur, il costo totale di una operazione del genere si aggirerebbe intorno ai 200 milioni di dollari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»