Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ex Ilva, arrestato l’avvocato Amara e obbligo di dimora per l’ex procuratore Capristo

amara_capristo-min
L'indagine riguarda "specifici episodi corruttivi in atti giudiziari". In carcere oltre all'avvocato e consulente dell'Eni e dell'ex Ilva anche Filippo Paradiso della polizia di stato, in servizio presso il ministero degli Interni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – La procura della Repubblica di Potenza, dopo aver coordinato e diretto complesse indagini svolte dalla polizia giudiziaria, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di Carlo Maria Capristo, già procuratore della Repubblica di Trani e Taranto, Giacomo Ragno, avvocato del foro di Trani, Piero Amara, avvocato e consulente dell’Eni e dell’ex Ilva, Nicola Nicoletti, socio PWC e già consulente esterno della struttura commissariale dell’Ilva, e Filippo Paradiso, della polizia di stato, in servizio presso il ministero degli Interni.

Per Capristo è stato disposto l’obbligo di dimora a Bari. L’indagine riguarda “specifici episodi corruttivi in atti giudiziari”. In particolare, Capristo avrebbe tentato di accreditare l’avvocato Amara presso Eni e quest’ultimo presso l’Ilva insieme a Nicoletti, al fine di agevolarne l’ascesa professionale. Le indagini hanno avuto inizio a giugno 2020, dopo le prime accuse nei confronti del procuratore Capristo, sfociate in una misura cautelare a maggio 2020 e nel successivo rinvio a giudizio degli imputati. Per Ragno e Nicoletti sono stati disposti gli arresti domiciliari, mentre per Amara e Paradiso il carcere. Disposto anche il sequestro preventivo di 278mila euro nei confronti di Ragno, somma ritenuta “provento del delitto di corruzione in atti giudiziari e del delitto di concussione”. Nell’inchiesta risultano altri cinque indagati.

Dalle indagini è emerso che Capristo, tramite l’intermediazione di Paradiso, “stabilmente vendeva ad Amara e Nicoletti la propria funzione giudiziaria” con l’obiettivo di agevolarne la carriera e ottenere in cambio “una incessante attività di raccomandazione, persuasione, sollecitazione – scrive la procura di Potenza – svolta dai corruttori su membri del Consiglio superiore della magistratura, da loro conosciuti direttamente o indirettamente, e/o su soggetti ritenuti in grado d’influire su questi ultimi, in occasione della pubblicazione di posti direttivi vacanti d’interesse di Capristo”, come procura generale di Firenze, procura della Repubblica di Taranto e altri ancora. A fronte dei favori resi da Capristo, Nicoletti, infine, abusando della sua qualità di gestore di fatto degli stabilimenti ex Ilva, condizionava i dirigenti sottoposti a procedimenti penali affinché conferissero una serie di incarichi difensivi all’avvocato Ragno, “alter ego di Capristo, in ragione dello stretto legame tra i due risalente fin dai tempi in cui era procuratore della Repubblica di Trani”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»