Roma, il Tar respinge il ricorso: l’ex Cinema America è un bene di interesse culturale

Il presidente dell'associazione Piccolo America, Valerio Carocci, si complimenta con le istituzioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il ministero per i Beni e per le Attivita’ culturali e per il Turismo rende noto che il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio – sezione Seconda Quater ha respinto in quanto “palesemente infondato”, come si legge nella sentenza, il ricorso della proprieta’ dell’ex Cinema America per l’annullamento del decreto di dichiarazione di interesse culturale della storica sala cinematografica romana da parte della Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio.

La corte, nel riconoscere le motivazioni e la correttezza procedurale dell’amministrazione, ha pertanto confermato il vincolo dell’ex Cinema America, decretato sulla base del provvedimento del ministro Dario Franceschini in favore della tutela dei cinema storici.

CAROCCI: DECISIONE TAR CONFERMA BENE INTERESSE CULTURALE

“L’associazione Piccolo America si complimenta per il lavoro portato avanti dalla Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio guidata da Federica Galloni e con la Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio Di Roma guidata da Daniela Porro. L’espressione del Tar di oggi conferma ancora una volta, sulla base del provvedimento del ministro Dario Franceschini in favore della tutela dei cinema storici, che l’ex Cinema America di Trastevere e’ un bene d’interesse culturale per lo Stato italiano“. Cosi’ all’agenzia Dire Valerio Carocci, presidente dell’Associazione Piccolo America, a proposito della decisione del Tar del Lazio che ha bocciato il ricorso contro il vincolo apposto dal Mibact sull’ex Cinema America.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»