Pronte le spiagge libere a Riccione: sì a postazioni, no a prenotazione

A Riccione ci sono 17 spiagge libere: non ci sarà la necessità di prenotare e non vi saranno sbarramenti all'ingresso
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

RICCIONE (Rimini) – Le spiagge libere di Riccione sono pronte ad accogliere i turisti. Si stanno infatti ultimando sul litorale della cittadina in provincia di Rimini i lavori per la sistemazione, come da protocolli sanitari regionali, zone apposite per ombrelloni e teli spiaggia. “Per il fine settimana sarà tutto pronto“, garantisce l’assessore ai Lavori pubblici Lea Ermeti. I turisti che vorranno usufruire delle 17 spiagge libere che offre la Perla Verde, troveranno nelle 10 più grandi una passerella larga tre metri che li condurrà verso i posti contrassegnati con paletti e corde larghi 12 metri quadrati.

LEGGI ANCHE: Spiagge, per controllare i bagnanti si useranno anche i droni

 

Come da protocolli sanitari, in ogni spazio vi potranno prendere posto due persone, con ombrellone e teli, oppure un unico nucleo familiare composto anche da più di due membri.

Sempre all’ingresso, i visitatori troveranno i cartelli di pubblica utilità, in italiano e inglese, che spiegheranno in maniera divertente e intuitiva, le regole sanitarie da rispettare. Non ci sarà la necessità di prenotare né vi saranno agli ingressi sbarramenti.

Ovviamente sarà possibile prendere posto nelle spiagge libere fino ad esaurimento posti. Quella di piazzale Roma, per esempio, avrà fino a 160 postazioni. Restano da rispettare le regole del distanziamento sociale, della mascherina dove non è possibile mantenere la distanza di almeno un metro e il divieto di assembramento.

In tutte le spiagge libere dal 13 giugno sarà attivato il servizio di salvamento: nei weekend di maggiore afflusso vi sarà un presidio del nucleo anticontraffazione della Polizia locale, mentre per i mesi “caldi” l’Amministrazione sta elaborando un protocollo con Croce Rossa e Croce Blu per un presidio di volontari che informino i turisti e li indirizzino verso le giuste postazioni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»