Dl elezioni, ok dalla camera all’emendamento Sisto: “Voto non prima del 15 settembre”

"Grazie a questo emendamento diciamo con certezza che non si puo' andare al voto alle regionali prima del 15 di settembre".
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – L’aula della Camera ha approvato l’emendamento a prima firma del deputato Francesco Paolo Sisto (Fi) che prevede l’inserimento dell’art. 1 del decreto recante disposizioni urgenti in materia di consultazioni elettorali per l’anno 2020, le parole ‘e comunque non prima del 15 settembre’. I si’ sono stati 287, i no 33. In un precedente intervento, il deputato Sisto aveva sottolineato come “grazie a questo emendamento diciamo con certezza che non si puo’ andare al voto alle regionali prima del 15 di settembre, cosi’ che la prima data utile sara’ il 20 e il 21”. L’emendamento aveva ricevuto il parere favorevole della commissione e del governo.

Prendendo la parola dopo il via libera al proprio emendamento, il deputato di Fi Sisto ha spiegato che “l’emendamento votato non indica nessuna data” successiva al 15 settembre, “e serve a limitare il danno”. Ha poi ricordato che “chi ha parlato del 27 settembre in commissione e’ stata Forza Italia, ma di fronte alle pressioni della politica regionale”, indicare “una data di cui tutti” alla fine “rimangono scontenti”, mi sembra “una proposta responsabile”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»