Migranti, Consiglio di Stato contro Salvini: “Sbagliato chiudere Sprar Riace”

Anche il Tar di Reggio Calabria aveva stabilito che il Ministero dell'Interno non aveva alcuna ragione per chiudere i progetti di accoglienza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un’altra sconfitta politica per Salvini, un altro riconoscimento per Mimmo Lucano. Il Consiglio di Stato, dopo il Tar di Reggio Calabria, ha stabilito che il Ministero dell’Interno non aveva alcuna ragione per chiudere i progetti di accoglienza di Riace”. Lo afferma Nicola Fratoianni, portavoce nazionale di Sinistra Italiana.

LEGGI ANCHE: Salvini: “Non riempire la Calabria di immigrati con il ‘modello Riace’”

“Il Consiglio di Stato – prosegue l’esponente di Leu – lo scrive a chiare lettere: ‘che il modello Riace fosse assolutamente encomiabile negli intenti ed anche negli esiti del processo di integrazione e’ circostanza che traspare anche dai piu’ critici tra i monitoraggi compiuti’. È evidente, quindi, che in quell’occasione il Ministero dell’Interno ha agito su basi esclusivamente politiche, con l’obiettivo di demolire un’esperienza virtuosa e screditare il principale attore”. “Riace e’ rimasta vuota, si deve pero’ sapere che l’esperienza e la solidarieta’ proseguono comunque, in forma autorganizzata e sulle spalle di pochi. E questo non e’ giusto. Adesso e’ tempo che la politica faccia la sua parte – conclude Fratoianni – riconoscendo a Mimmo, alle associazioni e ai volontari, e anche alla comunita’ di Riace, i torti subiti e i meriti dovuti. Non e’ mai troppo tardi”. 

LEGGI ANCHE: Il Tribunale di Locri dichiara decaduto il sindaco leghista di Riace

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»