Minniti contro il Governo: “Ha due buchi enormi, l’Africa e il Mediterraneo”

L'ex ministro degli Interni attacca i primi passi del nuovo governo: "Ci stiamo allontanando dai valori fondativi dell'Europa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel nuovo governo si nota “l’assenza di due parole, ‘Mediterraneo’ e ‘Africa’. Sono due giganteschi buchi. L’Africa è lo specchio dell’Europa, è lì che si gioca il ruolo fondamentale dell’Italia, non soltanto sul governo dei flussi migratori. Questo ci ha portato a una cooperazione che oggi ci dice che in Italia sono arrivate 120mila persone in meno negli ultimi undici mesi“. Così a Circo Massimo, su Radio Capital, l’ex ministro dell’Interno e ora deputato Pd Marco Minniti.

Un lavoro di cooperazione promosso anche da Salvini, una dichiarazione che Minniti definisce “di civiltà politica”: “Considero tutto il lavoro un patrimonio dell’Italia e sarebbe sbagliato disperderlo. Ma è il frutto del lavoro dei paesi dell’altra parte del Mediterraneo, con cui”, avverte, “bisogna parlare senza pensare che ci sia un rapporto di subordinazione: è la cosa più sbagliata da fare”.

Come sbagliata è stata la frase del ministro Salvini sui migranti tunisini ‘galeotti’: “È un paese chiave per il controllo dei flussi migratori e per la lotta al terrorismo“, dice il deputato del PD, “L’ultima cosa che l’Italia non ha interesse di fare è destabilizzare la Tunisia”.

“CI ALLONTANIAMO DA VALORI FONDATIVI EUROPA”

Nell’Italia di oggi “c’è una divaricazione fra due idee della società: da una parte una società aperta, dall’altra una società chiusa, la società del sacro blog e dei confini nazionali come elemento di chiusura verso gli altri”.

La questione “non riguarda soltanto l’euro e lo spread: ci stiamo allontanando dai valori fondativi dell’Europa. Questa è la vera partita in questo momento. L’Italia non può passare per una realtà di confine tra est e ovest. La nostra è una realtà aperta”. Così a Circo Massimo, su Radio Capital, l’ex ministro dell’Interno e ora deputato Pd Marco Minniti.

Intanto, però, Salvini guarda verso Orban: “Per valori, per tradizione e per interessi, l’Italia non può diventare l’Ungheria del Mediterraneo“, attacca Minniti, “se l’Italia si ritira dal Mediterraneo, ci saranno altri paesi che prenderanno il suo posto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»