Traffico, rischio paralisi totale a Roma sud nel 2018, il Gra e le strade verso Ostia collasseranno

L'allarme di Carlo Maria Medaglia, presidente e ad dell'Agenzia per la mobilità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

traffico“Quando tu sai che nel 2018 la parte sud del Raccordo anulare (che parte dall’Eur, attraversa Dragoncello e arriva fino a Ostia), stando gli studi trasportistici, collassa dal punto di vista del trasporto, tu o incominci a mettere le persone da un’altra parte, visto che non farai un’altra Roma lido in un secondo, o ti inventi strutture tecnologiche che ti permettono di delocalizzare il lavoro o inizi, all’interno del piano generale del traffico urbano, con una decongestion charge, quattro volte piu’ grossa di quella di Londra, per convincere le persone ad accorparsi in due o tre in macchina. Se non fai così, le infrastrutture, che hanno dei tempi di costruzione, ci portano al collasso prima ancora che hai iniziato a progettarle”. Questo l’allarme lanciato da Carlo Maria Medaglia, presidente e ad dell’Agenzia per la mobilità di Roma, durante la conferenza d’apertura della Social Media Week di Roma, in programma dall’8 al 12 giugno a Casa del Cinema.

Per scongiurare tale possibilità, Medaglia ha spiegato che inoltre “l’amministrazione ha cominciato a comprare mezzi per raddoppiare i mezzi in funzione sulla Roma lido”. Lo smaltimento del traffico in alcuni punti, come via Cristoforo Colombo, è poi garantito da “semafori intelligenti a tre fasi (invece di due)”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»