Governo, Salvini a Renzi: “Esci, e ognuno farà la sua parte”

Il leader della Lega: "E' troppo comodo dire che il governo non va e restare al governo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io non guardo al colore politico. Dico che e’ troppo comodo dire che il governo non va e restare al governo”, dice Matteo Salvini, intervistato da Radio Radio a proposito delle minacce di Matteo Renzi all’esecutivo. “Allora esci dal governo. Sii coerente e conseguente e tutti fanno la loro parte“, aggiunge.

LEGGI ANCHE: Sondaggi Dire-Tecnè: nella crisi sale la fiducia nel Conte 2, continua il calo della Lega

Conte si e’ preso i pieni poteri? “Finche’ c’era l’emergenza sanitaria poteva essere comprensibile, entriamo nel terzo mese, mi sembra che sia necessario tornare alla normalita’ da tutti i punti di vista”, dice Matteo Salvini a Radio Radio.

“Non mi sembra corretto che il governo impugni le scelte o della regione Calabria o della provincia di Bolzano. Mi sembra che vada superato il faccio tutto io e decido tutto io. Qua bisogna decidere insieme”, aggiunge.

LEGGI ANCHE: Salvini ha dato retta a Renzi e si è bruciato da solo, dice il Pd

“Se c’e’ gente che non rispetta le regole va ripresa, ma il 99 per cento degli italiani in questi due mesi si e’ mostrato assolutamente rispettoso, educato e all’altezza. Noi lavoriamo guardando avanti, tornando alla realta’”. Così Matteo Salvini risponde a chi gli chiede del caso Milano, dove sui Navigli si sono affollati in molti, senza protezioni anti-Covid.

“Se c’e’ gente che esce e si raduna in maniera immotivata senza le precauzioni gli agenti della polizia locale sono li’ per questo. Ce ne sono alcune migliaia alle dipendenze del sindaco Sala. Dovrebbe essere lui a intervenire”, aggiunge Salvini che ricorda come nei giorni scorsi “siano stati multati con 400 euro quelli che protestano non per farsi lo spritz ma perche’ vogliono tornare a dar da mangiare ai loro figli”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»