Seconda fase dell’emergenza Covid19, le best practice della Rete Sifo

Sifo prosegue con le attivita' gia' avviate tempestivamente nelle settimane scorse, mantenendo altal'attenzione sulle problematiche che riguardano in modo specificola quotidianita' di farmacisti ospedalieri e dei servizi territoriali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – L’emergenza sanitaria, assistenziale e sociale collegata alla pandemia COVID19 sta proponendo situazioni e statistiche meno drammatiche rispetto alle scorse settimane, anche grazie alle azioni coordinate e congiunte avviate da AIFA, Regioni e Aziende produttrici, “interventi a cui anche la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei servizi farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO) ha contribuito efficacemente. All’inizio di questa Seconda Fase del periodo pandemico, SIFO prosegue quindi con le attività già avviate tempestivamente nelle settimane scorse, mantenendo alta l’attenzione sulle problematiche che riguardano in modo specifico la quotidianità di farmacisti ospedalieri e dei servizi territoriali“. Lo rende noto Sifo, in un comunicato.

Si tratta delle attività della RETE NAZIONALE SIFO-EMERGENZA COVID.19, volte sia a raccogliere segnalazioni di problematiche sul territorio che a esprimere e condividere best practice e istruzioni operative per la gestione di dispositivi, preparati galenici e attività di farmacia clinica.

Le problematiche riguardanti i farmaci sono decisamente ridotte e rispecchiano gli aggiornamenti periodicamente comunicati da AIFA, anche alla luce della considerazione che laddove le strutture territoriali si sono correttamente interconnesse segnalando i propri fabbisogni con il centro, i disagi collegati all’iniziale picco di consumi sono stati tempestivamente ridotti.

Nel concreto oggi la Rete sta continuando a raccogliere segnali di problematiche riguardanti soprattutto i Medical devices: questi segnali raccolti dalla Rete vengono messi a fattor comune perché possono diventare elemento prezioso per tutto il Sistema Sanitario Nazionale, permettendo di attivare azioni tempestive.

Dal lato pratico la Rete si presenta nel formato di un periodico Report territoriale: ecco dunque in questo periodo le Criticità e le Best practice che possono essere messe all’attenzione da parte della Rete SIFO.

1 – CRITICITA’ DISPOSITIVI MEDICI

Le carenze sono ancora segnalate dai farmacisti ospedalieri nell’ambito dei Dispositivi Medici in particolare a proposito di:

– Dispositivi di Protezione Individuale (DPI): mascherine FFP3, calzari, guanti in nitrile, camici monouso
– Caschi per CPAP
– Valvole PEEP

2 – BEST PRACTICE E ISTRUZIONI OPERATIVE

Molto ampio è il capitolo della RETE SIFO per ciò che riguarda la condivisione delle Best practice dell’assistenza farmaceutica in tutte le regioni di Italia. Nelle ultime settimane i dati raccolti da SIFO sono stati standardizzati e sottoposti a quattro passaggi: 1) analisi dei dati comunicati centralmente; 2) proposta di soluzioni pratiche alle criticità espresse; 3) validazione delle soluzioni proposte; 4) trasformazione delle soluzioni in buone pratiche.

Questo percorso realizzato da SIFO ha prodotto in breve tempo tre specifiche Istruzioni Operative:

1 – Istruzione Operativa per l’allestimento di preparati magistrali a base di antiretrovirali da somministrare a pazienti non in grado di deglutire forme solide intere

Problematica segnalata: incapacità di deglutire da parte di pazienti COVID.19 intubati;

L’Istruzione ha riguardato una formulazione galenico magistrale che deve necessariamente avvenire presso il laboratorio di farmacia; il documento è stato curato dall’Area Galenica SIFO e dalla SIFAP (Società Farmacisti Preparatori)

2 – Istruzione Operativa per l’allestimento di preparati magistrali a base di idrossiclorochina

Problematica segnalata: necessità di formulazioni personalizzate a base di idrossiclorochina

L’Istruzione (anch’essa firmata da SIFO e SIFAP) ha riguardato l’allestimento di preparati magistrali a base di idrossiclorochina, da somministrare a pazienti adulti e pediatrici. Come ogni galenico, l’allestimento magistrale deve avvenire presso il laboratorio della farmacia.

3 – Istruzione Operativa verifica della conformità dei dispositivi di protezione individuale (DPI)

Problematica segnalata: scelta e gestione corretta e in sicurezza dei DPI

SIFO ha ribadito alcuni concetti importanti sui DPI (mascherine, tute, camici, calzari e sovrascarpe, guanti e occhiali), focalizzando l’attenzione sui criteri di scelta dei dispositivi idonei alla protezione da agenti biologici, in particolare da SARS-CoV-2, da utilizzare in ambito ospedaliero. Ciò al fine di consentire ai farmacisti di avere una guida rapida nella valutazione e, quindi, nella scelta dei dispositivi per la struttura e al personale sanitario tutto di monitorare i prodotti utilizzati.

4 – Preparazione Disinfettanti ambientali e Gel igienizzante mani

Problematica: approvvigionamento dei disinfettanti necessari

In relazione alla difficoltà temporanea nel reperimento di Disinfettanti, le Farmacie Ospedaliere stanno provvedendo in proprio sin dalle prime settimana della pandemia con la produzione continua di disinfettanti in loco, seguendo le indicazioni e le prescrizioni normative, nonostante la difficoltà di reperimento dell’alcool, ingrediente fondamentale nella preparazione dei disinfettanti ambientali e del gel igienizzante mani. Su questo argomento non è stata fornita una istruzione in quanto la preparazione fa già parte delle conoscenze professionali diffuse.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»