#Atuttomondo: le principali notizie dall’estero

A cura dell’Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – #ATUTTOMONDO. Questo il titolo della rassegna stampa internazionale dell’Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo. In collaborazione con l’agenzia Dire, ogni martedì e venerdì verrà diffuso sulla rete nazionale delle agenzie, sul sito e social della Dire.

La Spagna continua ad essere il primo paese in Europa per numero di decessi, i quali ammontano a 25.857. Dopo circa tre giorni di apparente calo della curva, lo scorso mercoledì si sono registrate 244 vittime in un solo giorno, per questo il Governo spagnolo ha annunciato la quarta proroga dello stato di emergenza. Nonostante ciò, il governo inizia a concedere delle libertà ai cittadini e il premier Sánchez annuncia un piano di transizione verso una “nuova normalità”. Questo periodo di allentamento del confinamento è stato suddiviso in 4 fasi e ogni regione avrà tempistiche diverse nell’attuazione, a seconda della propria situazione interna. La fase 0 è quella attuale e prevede il massimo confinamento e spostamenti limitati o comunque consentiti solo per il lavoro o per necessità primarie. Lo scorso 2 maggio Pedro Sánchez annunciò ai cittadini la possibilità di uscire per fare passeggiate o attività sportive; di conseguenza il ministro Salvador Illa ha suddiviso la giornata stabilendo delle fasce orarie per le diverse fasce d’età dei cittadini: dalle 6.00 alle 10.00 del mattino e dalle 20.00 alle 23.00 possono uscire i maggiori di 14 anni; la fascia oraria che va dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 19.00 alle 20.00 è riservata agli over 70 e, infine, i minori di 14 anni possono uscire dalle 12.00 alle 19.00 accompagnati da un adulto. La fase 1 inizierà la prossima settimana e prevede la riapertura di alcuni negozi fra cui bar e ristoranti che dovranno però far fronte a forti restrizioni, come, per esempio, accettare una clientela limitata. Saranno inoltre permessi degli spostamenti per incontri limitati di un massimo di 10 persone. La fase 2 inizierà tra fine maggio e inizio giugno e permetterà degli spostamenti all’interno della provincia; la fase 3 invece prevede la ripresa della mobilità generale ma comunque graduale e con le dovute protezioni.  

CLICCA QUI PER LEGGERE LA RASSEGNA COMPLETA

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»