Coronavirus, Rezza (Iss): “Navigli? Comportamenti irresponsabili e preoccupanti”

"Credo sia drammatico per le persone che si sono trovate magari senza lavoro vedere che invece ci sono altre persone che non adottano comportamenti adeguati"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Molte volte la salute pubblica e l’economia vengono viste in contrapposizione, invece il punto e’ che bisogna aumentare i controlli di sanita’ pubblica proprio per favorire le riaperture. Quello che invece colpisce e’ come comportamenti irresponsabili potrebbero avere delle conseguenze deleterie, non solo per quanto riguarda gli andamenti delle dinamiche epidemiche, ma anche per quanto riguarda eventuali provvedimenti che bisognerebbe prendere dopo”. Risponde cosi’ Giovanni Rezza, direttore del dipartimento Malattie infettive dell’Istituto superiore di Sanita’, durante la conferenza stampa odierna sull’analisi dell’andamento epidemiologico e aggiornamento tecnico-scientifico del Covid-19, interpellato dai giornalisti in merito alle immagini dei Navigli milanesi ieri affollati durante l’orario dell’aperitivo.

“L’invito quindi e’ assolutamente quello di rispettare le norme di distanziamento sociale– ha proseguito Rezza– che ricordiamo: distanza fisica, lavaggio accurato e frequente delle mani, uso di mascherine nei luoghi pubblici ma anche all’aperto se si parla con qualcuno da vicino”.

Secondo Rezza, queste sono tutte precauzioni “che bisogna prendere per non far correre il virus e allo stesso tempo proprio per favorire il processo di riapertura. Credo sia drammatico per le persone che si sono trovate magari senza lavoro vedere che invece ci sono altre persone che non adottano comportamenti adeguati. Quelle immagini fanno un po’ preoccupare“, ha concluso l’esperto.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»