Corso online con il premio Nobel Muhammad Yunus all’università della Basilicata

Si potrà partecipare alle lezioni, previste dall'11 al 20 maggio, seguendo lo streaming sui canali social dell'Unibas e su YouTube
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – Dall’11 al 20 maggio l’Universita’ degli studi della Basilicata ha organizzato un corso on line con il premio Nobel Muhammad Yunus dal tema Ricostruire un mondo migliore. L’iniziativa parte da una proposta della Fondazione Citta’ della Pace per i Bambini Basilicata e dell’Universita’ degli Studi della Basilicata, all’interno dello Yunus Social Business Centre della Basilicata, in collaborazione con la rete degli Yunus Social Business Centre italiani attivi a Bologna, Venezia, Firenze e Urbino. Come possiamo comprendere e affrontare la crisi economica che tutti temono usando vecchi strumenti? Ci sara’ spazio per creare una nuova economia piu’ allineata ai bisogni umani? La natura si vendichera’ come succede ora nelle citta’ deserte in cui gli animali vagano e l’aria e’ piu’ pura dopo che le fabbriche sono state chiuse o ci sara’ un ulteriore sfruttamento delle risorse ambientali a causa della crisi economica? Dalla necessita’ di trovare una risposta a queste domande cruciali e’ nata l’idea di un corso online che affronta le principali direzioni del cambiamento e propone una visione dello stato dell’arte attuale cercando di intravedere cosa, come e quanto cambiera’ il nostro mondo. Il corso avra’ anche l’obiettivo di diffondere le conoscenze di base sul social business. Interverranno anche padre Enzo Fortunato, direttore della Sala stampa del Sacro Convento di Assisi e l’architetto Mario Cucinella. Si potra’ partecipare al corso seguendo lo streaming sui canali social dell’Unibas e su YouTube.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»