VIDEO | Namibia, il ricercatore del Cnr a Windhoek: “Il patriarcato è in crisi”

Lo studioso alla Dire: "La violenza contro le donne nasce da qui"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “L’incapacita’ di rispondere ai cambiamenti nella galassia femminile, che stanno mettendo in discussione il sistema patriarcale: in Namibia la violenza nasce da qui“. A parlare con l’agenzia Dire e’ Bruno Venditto, da anni nel Paese africano, autore con colleghi ricercatori di Windhoek di uno studio in pubblicazione negli Stati Uniti con Nova Science Publishers. Al centro del lavoro, ‘Gender based violence in Contemporary Namibia: An Unsaid Tale of Changing Male-Female power Relationship’, l’evoluzione dei rapporti di “genere” e di “potere”. Il punto di partenza e’ che, almeno stando alle statistiche delle Nazioni Unite e all’Africa Gender Index pubblicato a dicembre, la Namibia e’ uno dei tre Paesi piu’ virtuosi del continente.

“Con le elezioni dello scorso anno la quota delle deputate in parlamento e’ aumentata dal 41 al 43 per cento, mentre a dirigenti donne e’ toccata la guida di cinque ministeri” sottolinea Venditto. Convinto che pero’ anche i numeri possano trarre in inganno: “Ci sono amministratrici delegate e tante viceministre ma spesso si tratta di incarichi privi di potere reale, che sanno di ‘window dressing’, di vetrina per chi guarda da fuori”. Tra i casi citati quello di Emma Theofelus, 23 anni, laurea in “femminismo africano e studi di genere”, scelta dal presidente Hage Gengob come numero due del dicastero della Comunicazione.

Secondo Venditto, “e’ stata nominata per dividere l’opposizione alla luce della sua precedente militanza politica e per togliere argomenti ai giovani, sempre piu’ protagonisti e influenti nel dibattito sui social network”. Lo studio e’ stato realizzato insieme con due ricercatori della University of Namibia, Rachel Ndinelao Amaambo e Chistian Hamutenya Nekare. Esperto di migrazioni e di fenomeni sociali, Venditto lavora per il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e il suo Istituto di studi sul Mediterraneo. Origini napoletane, esperienze dal Sudafrica al Malawi, si e’ sposato con una namibiana. “Empowered”, sottolinea con un sorriso: “Pari diritti e ora in missione con le Nazioni Unite in Sud Sudan”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»