Giornale radio sociale, edizione del 8 maggio 2020

Approfondimenti e notizie sul sociale www.giornaleradiosociale.it
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ECONOMIA – Pericolo criminale. Le mafie sono il nemico peggiore per l’Italia che deve affrontare l’uscita dalla crisi sanitaria ed economica e potrebbero avvantaggiarsene nelle situazioni di maggiore difficoltà, inserendosi in quei settori che lo Stato non riesce a tutelare e proteggere. È il risultato di un sondaggio condotto, nell’ambito dell’Osservatorio Coronavirus nato dalla collaborazione tra SWG e Area Studi Legacoop.

SOCIETA’ – Solidarietà concreta. Mille mascherine per le persone senza dimora donate al Forum Terzo Settore del Lazio da Roma Cares, la fondazione benefica della A. S. Roma. Un grande gesto di solidarietà per i cittadini particolarmente colpiti dalle conseguenze sociali dell’emergenza sanitaria in atto e un segnale importante per la crescita del welfare di comunità.

INTERNAZIONALE – L’altra piaga. Il Corno d’Africa rischia di subire nello stesso momento l’epidemia da Covid-19, il ritorno degli sciami di locuste e i pericoli della stagione delle inondazioni: una crisi che secondo Save The Children metterebbe a rischio malnutrizione oltre cinque milioni di bambini in Somalia, Etiopia e Kenya. Secondo l’organizzazione “c’è bisogno di risorse, persone e sostegno a livello globale”.

DIRITTI – Giustizia è fatta. Era il maggio 2015 quando un gruppo di amici con disabilità visive accompagnati dai loro cani guida, andarono in gita a Belluno. Nella città subirono però un intervento discriminatorio da parte di alcuni addetti a un servizio di scale mobili, gestito dalla società Bellunum s.r.l., che vietava l’accesso al servizio a persone con cani. Dopo anni di battaglie legali, è arrivata finalmente la sentenza della Corte d’appello di Venezia: tutte le istanze presentate con il ricorso in appello sono state accettate. Condannate sia la ditta che l’amministrazione comunale.

SPORT – Semaforo verde. Approvata definitivamente la Legge per le Olimpiadi e Paralimpiadi Milano Cortina 2026 e le finali Atp di Torino: l’Italia prova a ripartire con lo sport. Il servizio di Elena Fiorani.

La Fase 2 dell’emergenza CoronaVirus continua a focalizzarsi sullo sport: dai professionisti del campionato di calcio, che forse ripartirà o forse no, ai campioni degli sport individuali che hanno ripreso ad allenarsi, fino ai milioni di sportivi italiani che per ora possono correre o pedalare individualmente. In attesa che vengano risolte alcune incongruenze tra le indicazioni contenute nel Dpcm del 26 aprile e le Linee guida dell’Ufficio per lo Sport per poter ripartire in sicurezza con lo sport di base, quello olimpico si prepara all’evento che ora è “Un segno di speranza e di ottimismo per il futuro”, come ha detto il ministro dello sport Spadafora, ma si spera che diventi un volano di sviluppo economico da qui ai prossimi cinque anni, in modo particolare nei territori più colpiti dal Coronavirus, con positive ripercussioni sulle possibilità lavorative dei giovani.

CULTURA – Teentarella pandemica. Al via il concorso fotografico che racconta per immagini come i ragazzi stanno affrontando l’emergenza Covid. Promotori sono altrettanti giovani dai 12 ai 20 anni protagonisti del Festeenval 2020 ideato dall’associazione Calypso con il supporto del Csv Lombardia sud e Comune di Pavia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»