Salone libro, arriva la locandina: “Qui editore antifascista”

L'iniziativa lanciata dalla casa editrice Alegre per prendere posizione contro la presenza, al Salone, dell'editore Altaforte, vicino a Casapound
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TORINO – Una locandina con la scritta ‘Qui c’è un editore antifascista‘ per “essere presenti al Salone del libro di Torino in modo nettamente e ‘visibilmente’ antifascista”. Questa l’iniziativa lanciata dalla casa editrice Alegre, che pubblica anche la rivista ‘Jacobin Italia’, assieme all’editore Eleuthera per prendere posizione contro la presenza, al Salone, dell’editore Altaforte, vicino a Casapound.

LEGGI ANCHE:

Salone del Libro di Torino, la protesta degli intellettuali: “C’è casa editrice vicina a Casapound”

Salone del libro di Torino, l’editore di Altaforte: “Mi dichiaro fascista”

Salone del libro di Torino, Saviano: “Ci sarò, metto il corpo a difesa delle mie parole”


La locandina, fanno sapere da Alegre, sarà esposta dalle due case editrici nello stand che condividono e sarà “resa anche disponibile per i visitatori”. E i promotori dell’iniziativa spiegano che “chiederanno di affiggerla a tutti gli altri espositori del Salone”.

In una nota, la casa editrice ricorda che “il direttore editoriale di Altaforte, Francesco Polacchi, era in prima linea nel pestaggio degli studenti a Piazza Navona nel 2008“, motivo per cui “il vero dibattito non è tra andare o non andare a Torino, ma tra ammettere la presenza di fascisti picchiatori alla fiera del libro o difendere l’antifascismo”.

LEGGI ANCHE: Salone del libro, Regione Piemonte e Comune di Torino denunciano Altaforte per apologia di fascismo

Contro Polacchi, tra l’altro, il sindaco di Torino, Chiara Appendino, e il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, hanno presentato un esposto alla Procura torinese per apologia di fascismo. Esposto partito dopo le dichiarazioni rilasciate dal rappresentante di Altaforte, e coordinatore lombardo di Casapound, che in un’intervista si è dichiarato fascista, definendo Benito Mussolini “il miglior statista italiano” e affermando che “l’antifascismo è il vero male di questo Paese”.

E nel confermare la loro presenza al Salone del libro, scrivendo che “ci saremo come si sta in un campo di battaglia“, Alegre ed Eleuthera colgono l’occasione per “continuare a chiedere al Salone di Torino di togliere lo stand ad Altaforte”, anche alla luce dell’esposto presentato da Appendino e Chiamparino.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»