Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Forza Italia verso l’astensione, nasce il governo Lega-M5s

Fonti lombarde all'Agenzia Dire: "Silvio Berlusconi sta per cedere"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Cellulari bollenti e scambio di telefonate a tutto campo. A quanto apprende la Dire da fonti della Regione Lombardia in contatto con quanti stanno decidendo ad Arcore con Silvio Berlusconi, il leader di Forza Italia, si starebbe convincendo a consentire la nascita di un governo Lega-M5S.

Ma non ci sarà la fiducia di Forza Italia solo una astensione. A quel punto, proseguono le fonti della Dire, si aprirà la vera partita tra Salvini e Berlusconi: “Che farà questo governo senza risorse? Appena non manterrà fede alle promesse, subito arriveranno gli attacchi da Forza Italia“, spiegano.

Insomma, sembra di capire, la strategia è quella di far cuocere Salvini nel suo stesso brodo, recuperare tempo per riorganizzare Forza Italia e affondare il colpo quando arriveranno le difficoltà per la ‘singolare’ compagine governativa. A quel punto Forza Italia potrebbe vantare di aver  avvertito per tempo: “Lo avevamo detto che sarebbe stato un disastro…“.

Ma al leader della Lega conviene? “Si chiama Matteo come l’altro Matteo. Non è politica, è solo super ego“, taglia corto la fonte.

LEGGI ANCHE:

Mattarella contro i partiti, quattro scenari per il paese

Elezioni a luglio? Ecco tutto quello che c’è da sapere

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»