A Bologna molte scritte sui muri perchè “gira molta eroina”

La pensa così l'assessore alla Promozione della città, Matteo Lepore, perchè "la droga va dove c'è ricchezza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Tante scritte sui muri di Bologna? Vuol dire che gira molta eroina. Ne è certo l’assessore alla Promozione della città, Matteo Lepore, che ha toccato l’argomento nel corso di un intervento a Punto radio. “La droga ahimè è tornata essere un fenomeno molto pesante in città“, afferma l’assessore, soffermandosi in particolare su “spaccio e consumo di eroina”: una problematica che “riguarda l’attività delle Forze dell’ordine ma anche il consumo e quindi i cittadini, perchè se si vende tanta droga è anche perchè ci sono tanti che la consumano”. E qui arrivano i graffiti. “Anche quando vediamo molte scritte sui muri della città, questo lo dicono tutti quelli che studiano questo fenomeno- afferma Lepore- significa che c’è molta eroina”. Perchè? “Perchè spesso le scritte sui muri, soprattutto quelle incomprensibili, sono dei messaggi in codice per gli spacciatori“, è la spiegazione data da Lepore.

“LA DROGA VA DOVE C’E’ RICCHEZZA”

“Se vediamo la zona universitaria piena di scritte non è semplicemente perchè ci sono molti studenti, ma anche perchè c’è molto spaccio”, dice l’assessore. E su quest’ultimo fenomeno non bisogna abbassare la guardia: “Dobbiamo allearci- è l’appello di Lepore- con un forte impegno al contrasto della vendita della droga in strada e in appartamento, perchè questo è uno dei fenomeni a cui purtroppo in una città ricca come Bologna assistiamo negli ultimi anni, perchè la droga va dove c’è ricchezza”. L’essere una città “che ha recuperato dal punto di vista economico e che ha molti visitatori e studenti- aggiunge l’assessore- ha ovviamente anche un lato B, un lato nero, che dobbiamo saper contrastare”.

“ABUSIVI VENGONO A BOLOGNA DA FUORI CON IL TRENO”

Nella stessa intervista, poi, Lepore ha affrontato anche altri temi collegati alla legalità e alla sicurezza. Sull’argomento venditori abusivi, ad esempio, “serve un impegno da parte di chi governa il Paese, perchè la maggior parte degli abusivi che vengono a lavorare a Bologna- afferma Lepore- non vivono qui, prendono il treno e vengono dalla stazione Alta velocità, da altre regioni del Paese e dalla Romagna“. Di conseguenza, “bisogna che ci sia un’attività investigativa che stronchi alcune organizzazioni malavitose- continua l’assessore- che tra lo spaccio, l’abusivismo e lo sfruttamento dei mendicanti tengono in scacco alcune città”.

“LE ORDINANZE E I DASPO DEI SINDACI NON POSSONO BASTARE”

Le città da sole non ce la possono fare, è il ragionamento di Lepore. “Al di là del mettere la camionetta dell’Esercito di fronte a San Petronio, che è una misura importante per l’antiterrorismo- continua l’assessore- noi dobbiamo pretendere che il ministero dell’Interno lavori con un Governo serio sulla sicurezza delle città”. Perchè non è “semplicemente dando potere ai sindaci di fare delle ordinanze o Daspo che noi risolviamo il problema. E’ un palliativo”, sottolinea Lepore. “Noi possiamo allontanare di 100 metri la persona che dorme sotto un portico, ma non è che quella persona scompare. Noi dobbiamo risolvere i problemi”. Problemi che sono “da un lato di fragilità sociale- rimarca Lepore- perchè se una persona dorme per strada un motivo ci sarà e questo va affrontato, non dobbiamo girarci intorno”. Dall’altro lato, “le persone che fanno i mendicanti, e a volte purtroppo vediamo persone con disabilità sotto le Due torri a chiedere l’elemosina, se ci sono- afferma l’assessore- è perchè qualcuno le porta lì. E chi le porta lì ha mezzi, soldi e le sfrutta: queste persone vanno prese e tolte alle organizzazioni criminali”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»