Nella terra di Montalbano spunta un nuovo thriller quello dei fratelli Corsaro

Dalla penna di Salvo Toscano storia di Una famiglia diabolica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
NEWTON COMPTON EDITORI
Collana: First
Pagine: 288
Prezzo: 6,99
e-book: 2,99

ROMA – Nella Sicilia di Camilleri, c’è un’altra serie gialla che sta conquistando i cuori di molti lettori. “Una famiglia diabolica”, edito da Newton Compton Editori, arriva dopo Insoliti sospetti, e i fratelli Corsaro, dello scrittore Salvo Toscano, tornano protagonisti di un’incredibile indagine in cui si imbatteranno negli inquietanti segreti di una famiglia dilaniata da veleni e antiche ferite.

Una famiglia diabolica, un nuovo thriller per i fratelli Corsaro

L’avvocato Roberto Corsaro è in viaggio verso Sperlinga, borgo di montagna nel cuore della Sicilia, per accompagnare Greta, la sorella di una collega, a riscuotere una parte dell’eredità della zia Fifì. Giunti a destinazione le pratiche per la riscossione procedono senza intoppi, ma durante la notte, nell’albergo che ospita tutti i componenti della famiglia, uno di loro viene brutalmente assassinato. Fabrizio Corsaro, giornalista di cronaca e fratello di Roberto, viene inviato nel paesino per scrivere un articolo sul delitto.

Una famiglia diabolica, l’autore

Salvo Toscano, giornalista, ha già pubblicato i romanzi Ultimo appello, L’enigma Barabba e Sangue del mio sangue. È stato semifinalista al Premio Scerbanenco e finalista al Premio Zocca Giovani. Con la Newton Compton ha pubblicato Insoliti sospetti, Falsa testimonianza e Una famiglia diabolica. È stato tradotto nei Paesi di lingua inglese. Il suo sito è www.salvotoscano.com

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»