Roma, Di Maio: “Rischio sabotaggio delle aziende dei rifiuti”

"E' vero che non di vedono i cambiamenti- dice Di Maio- ma quando un sindaco eredita una città in questo modo, il primo anno mette a posto il bilancio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera ed esponente di M5s, spiega a Rtl 102.5, che i sindaci M5s “stanno gestendo delle crisi cittadine pazzesche. In questo momento c’è il rischio che ci sia un sabotaggio delle aziende dei rifiuti che riguardano Roma, e abbiamo denunciato tentativi di sabotaggio e danneggiamento di mezzi che non ci consentono di gestire la Nettezza Urbana correttamente e nonostante questo la stiamo gestendo”. Di Maio aggiunge: “E’ stato avviato un ‘piano buche’ a Roma dopo tanti anni, ci abbiamo investito decine di milioni di euro, nei primi sei mesi di Roma abbiamo tagliato 40 milioni di euro di sprechi, lo staff di Virginia Raggi è il 70% più piccolo del suo predecessore. Chiara Appendino è arrivata a Torino, Fassino doveva essere il grande sindaco di Torino, abbiamo trovato un buco di bilancio di 60 milioni di euro nascosto per anni, noi stiamo gestendo le grandi crisi e sono orgoglioso del fatto che i nostri sindaci le stiano gestendo senza indebitare ulteriormente i loro concittadini”.

A Rtl Luigi Di Maio sottolinea che “quando si fa il paragone con Alemanno, Veltroni e Rutelli siamo tutti bravi a gestire le città facendo 20 miliardi di euro di debito, se volete ne facciamo un altro po’ e cominciamo anche noi a fare lo sfarzo del passato, ma se veramente vogliamo abbassare il debito e le tasse dei romani, dei torinesi e di tutte le città che gestiamo dobbiamo fare delle operazioni che magari non sono il taglio di nastro ma di riassestamento del bilancio e investimento dove serve“. Il vicepresidente della Camera ricorda che tutto quello che il M5s sta tagliando a Roma lo sta “investendo in servizi essenziali. I cittadini romani hanno ragione a dire di non percepire i cambiamenti, ma è logico perché un sindaco che eredita una città in questo modo il primo anno mette a posto il bilancio, il secondo comincia a fare gli investimenti, infatti siamo partiti pochi mesi fa con gli investimenti nel settore scolastico, specialmente per i disabili, sia nel settore dei servizi sociali e nel piano buche”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»