Fiat, firmata la Cassa integrazione per i lavoratori dello stabilimento di Cassino

ROMA - Firmato ieri sera in Regione, al
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

stabilimento_fiat ROMA – Firmato ieri sera in Regione, al termine di una lunga giornata di trattative, l’accordo di Cassa integrazione per ristrutturazione aziendale per gli oltre 4mila lavoratori dello stabilimento Fiat di Cassino. “Un accordo- ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti- che mette fine alla parola crisi e che equivale al rilancio di uno dei principali poli produttivi della nostra Regione. Lo stabilimento Fiat di Cassino diventa centrale per il futuro dell’azienda e per la produzione di nuovi modelli. Una Cassa integrazione che serve all’azienda per modernizzare e ristrutturare i macchinari dello stabilimento e per formare gli oltre 4mila lavoratori impiegati. Penso prima di tutto a loro, e alle loro famiglie, che per anni hanno vissuto con il terrore di perdere il proprio lavoro e oggi sono al centro di una importante fase di sviluppo e crescita di una delle principali aziende del Paese. Lavoriamo ogni giorno per far tornare il Lazio a crescere sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista occupazionale non con interventi spot ma con un preciso disegno e progettualità. Ed i risultati iniziano a vedersi. Nel frattempo abbiamo rifinanziato anche la Legge 46 per l’indotto”.

“Ringrazio- ha aggiunto l’assessore al Lavoro, Lucia Valente- l’assessorato e la Direzione, l’azienda e le organizzazioni sindacali per la firma di un accordo che per la prima volta, pur tenendo tavoli separati, è stato firmato anche dalla Fiom. Un risultato che a mio avviso è un successo per ognuna delle persone che ha partecipato ieri alla lunga trattativa e che ha contribuito a un clima costruttivo di confronto tra le diverse organizzazioni sindacali e l’azienda”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»